Scavi di Pompei: crolli anche senza le piogge

168

“Viene da chiedersi ma in quale governo di quale paese del mondo l’onorevole Riccardo Villari è sottosegretario ai Beni Culturali se non può ancora affermare con certezza, dopo molti mesi dall’annuncio ufficiale,  se negli scavi di Pompei giungeranno tecnici e personale ausiliario necessario per  arrestare la distruzione quotidiana dell’area archeologica?

Lo ha detto Antonio Irlando, editorialista de Il Gazzettino vesuviano e responsabile dell’Osservatorio Patrimonio Culturale riferendosi a quanto ha dichiarato alla stampa il sottosegretario ai Beni Culturali, Riccardo Villari, intervenendo a Pompei all?inaugurazione dei lavori di restauro dell’antica conceria romana.

“La situazione negli scavi è drammatica e i crolli di parti di muri ed intonaci decorati, come ampiamente documentato,  si verificano quotidianamente anche senza le pioggie –  spiega Antonio Irlando –  aspettare gli eventuali fondi europei per mettere in sicurezza idrogeologica l’area archeologica,come ha detto il sottosegretario, ci sembra gravissimo perché Pompei dispone di somme notevoli che derivano dalla vendita dei biglietti d’ingresso con le quali i lavori, nelle conosciute aree critiche, sarebbero potuti già partire da molti mesi”.

Share

Lascia una risposta