Napoli, scontri all’Università: fermati tre giovani

Nella mattinata odierna 30  esponenti di “Casapound” si sono concentrati dinanzi alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Ateneo “Federico II”, ubicata in questa Via Porta di Massa, inscenando un sit-in non preavvisato, con distribuzione di volantini  sul “diritto allo studio” ed esponendo uno striscione con la scritta: “L’Università è libera”, corredata dal simbolo del noto organismo universitario “Blocco Studentesco”.

Dopo poco, dalla limitrofa  Facoltà di Lettere e Filosofia, si sono avvicinati circa 50 esponenti dei collettivi più radicali,  che, da sabato,  permangono all’interno della struttura in segno di protesta contro la “crisi economica” ed in vista della mobilitazione nazionale prevista nella Capitale per il prossimo 15 ottobre.

I due gruppi, separati da un cordone di sicurezza disposto con dipendente personale e con il supporto di elementi dei reparti inquadrati, si sono fronteggiati, limitandosi inizialmente a scandire  slogan e cori.

Successivamente entrambi i gruppi, in modo separato, sono confluiti in Via Marina, sempre nei pressi della Facoltà di Giurisprudenza, dando luogo ad un reciproco, fitto  lancio di oggetti contundenti.

Nell’occasione, uno tra i manifestanti di Casapound, G.F., di 24 anni, è rimasto ferito ed è stato medicato presso il nosocomio “Loreto Mare” ed una studentessa, presente nei pressi dell’ingresso della facoltà di giurisprudenza, R.A., di 22 anni, è stata colpita da una pietra, riportando lesioni al capo giudicate guaribili in gg. 8 s.c..

L’immediato intervento della Polizia è valso a separare i due gruppi e ad evitare che si definisse un tentativo di contatto fisico e che la situazione degenerasse.

Dopo circa quaranta minuti, si è verificato un ulteriore momento di frizione fra due aderenti a Casapound, che si stavano allontanando, ed alcuni studenti dei collettivi, così determinandosi un principio di rissa, immediatamente sedato dall’intervento delle forze dell’ordine.

In relazione ai fatti delittuosi descritti sono stati fermati e accompagnati in questi Uffici tre militanti di Casapound ,  S. G.26 anni, M.E., 21 anni , e G.G. 22 anni;

Questi ultimi, e quanti altri evidenzieranno, dalla visione dei vari filmati acquisiti, responsabilità in ordine alla partecipazione alla predetta rissa, verranno deferiti alla competente A.G.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteI sindaci del PdL sulla questione abbattimenti in Campania
SuccessivoBoscoreale, 150° censimento generale: istituiti due centri di raccolta, informazione e assistenza alla cittadinanza
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.