Aprire i termini del condono e sospendere temporaneamente gli abbattimenti

211

“Nutriamo grandi aspettative sul decreto sviluppo in fase di approvazione dal governo. Il Pdl è impegnato a trovare una soluzione per risolvere la questione abbattimenti, che rischia di diventare un peso economico e sociale per migliaia di famiglie campane”. Lo ha affermato Nicola Cosentino, coordinatore regionale del Pdl, nel corso della riunione tecnico – istituzionale dei sindaci con i vertici politici del partito, svoltasi ieri mattina a Napoli presso l’hotel Mediterraneo. Nel corso della giornata si è aperto un confronto sulla mancata occasione, per la regione Campania, di adesione al condono edilizio del 2003. “L’obiettivo – affermano i vertici del partito di Alfano – è quello di riaprire i termini di quel condono da un lato, e dall’altro di sospendere temporaneamente le imminenti procedure di abbattimento”. Non sono mancati i ragionamenti sulle strategìe da mettere in campo per il raggiungimento dell’obiettivo. Nei prossimi giorni così, i sindaci “azzurri” del Napoletano dovrebbero sottoscrivere un documento congiunto, al fine di chiedere al governo la possibilità di usufruire del condono ter, bocciato in Campania a causa di un pastrocchio burocratico. Una posizione condivisa anche da Luigi Bobbio e Annarita Patriarca, sindaci di Castellammare e Gragnano, che in diverse occasioni hanno chiesto al governo di “porre rimedio a questa situazione per una ragione di equità sociale, indipendentemente dagli schieramenti politici. Ribadiamo quindi – continuano – l’assoluta moralità e necessità di tale iniziativa, chiaramente limitata agli abusi commessi entro il 31 marzo2003”. Della questione abbattimenti si sono interessati, la scorsa settimana, anche i vertici campani del Pd che hanno incontrato a Castellammare una delegazione dei comitati antiruspe. “Negli ultimi tre anni il centrodestra ha fatto solo propaganda e demagogìa – afferma il segretario regionale Enzo Amendola –. Sono stati promessi decreti, soluzioni legislative e altri provvedimenti per fermare le ruspe. Niente di tutto ciò è accaduto. Noi invece ci siamo già rivolti al Prefetto chiedendo di risolvere la questione abbattimenti rispettando i crismi della legalità. Restiamo contrari a qualsiasi forma di condono – continua -, ma in Campania (così come già accaduto in Sicilia) si potrebbe percorrere la strada del protocollo Siracusa, in modo da stabilire una sorta di priorità sugli interventi delle ruspe”.

    Francesco Fusco

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano

Lascia una risposta