La Gelbison cerca continuità contro il Nuvla San Felice

213

Dare continuità alla vittoria di domenica scorsa contro l’Adrano per raggiungere una posizione in classifica più tranquilla. E’ questo l’obiettivo che mette nel mirino la Gelbison e che cerca di avvicinare nella sfida salvezza contro il Nuvla San Felice che si gioca questa domenica a Nola con inizio alle ore 14.30. “Secondo me questa partita è ancora più dura di quella che abbiamo affrontato e meritatamente vinto contro la prima classifica Adrano. – dice mister Pasquale Santosuosso che ha già racimolato quattro punti in due partite che siede sulla panchina rossoblù – L’ostacolo è duro perché sono sicuro che il Nuvla si presenterà con tanta rabbia in corpo visto che si trova nei bassifondi della classifica”. Il pensiero di Santosuosso è rivolto alla condizione mentale della sua squadra: “Dobbiamo mettere in campo – afferma il tecnico agropolese – la nostra voglia di vincere che abbiamo già dimostrato contro l’Adrano. Di sicuro il Nuvla farà la partita così come noi l’abbiamo fatta contro i siciliani”. Concentrazione e cattiveria sono le due qualità che vuole vedere nei suoi giocatori Santosuosso e che servono anche per sopperire alle assenze dettate dalle squalifiche e dagli infortuni: “Fino all’ultimo minuto non scioglierò i dubbi – sottolinea Santosuosso – anche perché in settimana abbiamo provato diverse soluzioni”. Il modulo è confermato ed è il 4/4/2 con cui si è ottenuta la prima vittoria in casa. In porta c’è Spicuzza, la difesa è da inventare visto che è priva di due titolari, Melcarne perché fermato per una giornata per cumulo di ammonizioni dal giudice sportivo e Montariello che ancora risente dei problemi ai legamenti del ginocchio e che potrebbe essere sottoposto a operazione, quindi al fianco di Braca e Pascuccio c’è la riconferma del giovane, classe ’92, Fariello e il probabile ingresso, con esordio dal primo minuto, di Dell’Isola. A centrocampo bisogna sopperire all’assenza di Amarante, anche lui fermato per una giornata dal giudice sportivo per un rosso diretto rimediato nella precedente partita, e con Borsa, Pecora e Tulimieri ecco che si fa prepotente la ricandidatura dal primo minuto di Manzillo che già altre due volte è partito titolare in questo scorcio di campionato. In attacco spazio al duo Sica-Senè con Ferraioli ancora ai box per la squalifica di quattro giornate (finora ne ha scontate due). “Bisogna per forza di cose – conclude Santosuosso – fare un gioco di adattamento. Ma vedo che i ragazzi sono molto propensi a ricoprire pure ruoli che fino a oggi non hanno mai fatto. Basta vedere Tulimieri e Borsa contro l’Adrano, alla fine sono risultati tra i migliori in campo”. L’arbitro dell’incontro è il signor Francesco Catona di Reggio Calabria, mentre gli assistenti Rosario De Domenico e Graziano Ritorti entrambi di Locri.

Share

Lascia una risposta