Vertice Cstp-sindacati: via libera ai contratti di solidarietà difensivi

95

Questa mattina i vertici della CSTP – Azienda della Mobilità – S.p.A. hanno incontrato i rappresentanti provinciali delle organizzazioni sindacali di categoria per affrontare la questione degli esuberi di personale e confrontarsi sulla possibilità di ricorrere, quale misura di intervento per la gestione degli esuberi stessi, all’applicazione dei contratti di solidarietà difensivi per imprese non sottoposte a cassa integrazione guadagni, come previsto dall’articolo 4 dell’accordo regionale sottoscritto il 15 dicembre scorso.

“I sindacati – ha spiegato il Presidente Mario Santocchio – hanno compreso, data l’attuale fase di crisi, la necessità di utilizzare gli ammortizzatori sociali dei contratti di solidarietà difensivi  per le aziende non sottoposte a cassa integrazione guadagni, la cui applicazione è prevista dall’accordo regionale sottoscritto il 15 dicembre scorso. Ci attiveremo subito per l’attivazione delle procedure. Per venerdì abbiamo fissato un nuovo incontro con le organizzazioni sindacali per la quantificazione del numero esatto degli esuberi, individuati per settore. Successivamente seguiremo l’iter previsto dall’articolo 24 delle legge 223/91, che impone prima il licenziamento collettivo dei dipendenti in esubero e poi la trasformazione dei licenziamenti in contratti difensivi di solidarietà. Applicando tali contratti, potremo gestire in maniera indolore il problema degli esuberi. Opereremo, infatti, una riduzione della prestazione lavorativa per tutti i dipendenti, cui corrisponderà però una lievissima riduzione delle retribuzioni, che potrebbe oscillare tra il 5% ed il 10%, potendo, sia noi come azienda sia loro come lavoratori, accedere al fondo per l’occupazione dell’Inps. I lavoratori non subiranno, inoltre, alcuna riduzione dei contributi versati.”

Relativamente alla questione dei precari, che questa mattina hanno manifestato in piazza Matteo Luciani mentre era in corso il vertice Azienda-sindacati, il Presidente Mario Santocchio ha garantito la proroga della graduatoria.

“Ho dato la mia parola a questi ragazzi – ha aggiunto il vertice dell’Azienda di mobilità salernitana – che prorogheremo la graduatoria che li vede in lista, per tutta la durata dello stato di crisi. Mi sono assunto questo impegno e lo rispetterò, sottoponendo questa proposta al prossimo Consiglio di Amministrazione per farla deliberare in via ufficiale. L’Azienda, per il momento, non può fare altro. E’ doveroso chiarirlo, nel rispetto di un  linguaggio di chiarezza e verità”.

Share

Lascia una risposta