San Giorgio – Ferrini BN 7-1

125

SAN GIORGIO: Loffredo 6, Esposito G. 6, Cucciardi 6 (1’st Sposato 6), Musella 6, Esposito E. 6, Piccolo 6, Pascucci 6,5, Esposito S. 6 (16’st Sannino 6), Imparato 7, Esposito F. 7,5 (6’st Bianco 6). Allenatore, Matrullo 7. Non entrati: Paparo, Di Fiore, Grillo, Valente

FERRINI BN.: De Luca 6,5, Tavino 5,5, Lengua 5,5, De Ieso 5,5, De Simone 5,5, Di Venezia 5,5, De Girolamo sv (27’pt Cecere sv, 1’st Orlando 5,5), Guerriero 6,5, Di Iorio 5,5 (22’st Carolla 5,5), Impronte 5,5, Rega 5,5. Non entrati: Grasso, Lenguito, Torrazzo. Allenatore, Orsini 6

ARBITRO: D’Errico di Nocera Inferiore 6, assistenti, De Prisco e Caso di Nocera Inferiore

RETI: 19’pt, 31’pt, 42’pt F. Esposito, 2’st Pascucci, 5’st Guerriero rigore, 13’st, 44’st Imparato, 32’st Rigione

NOTE: superficie di gioco in ottime condizioni; spettatori 200 circa. Prima del fischio d’inizio è stato osservato un minuto di raccoglimento per la tragedia del Costa Concorde. Ammoniti: Tavino, De Ieso e Di Venezia (F). Durata partita, pt 45’, st 47’.

San Giorgio a Cremano, 15 gennaio –

Seconda vittoria consecutiva del San Giorgio contro i volenterosi ragazzi della juniores del Ferrini Benevento integrata da Lengua e capitan Guerriero. Il risultato più che tennistico è puramente platonico tanta era la differenza dei valori tecnici in campo. La cosa più importante della giornata sono i tre punti che danno continuità alla risalta della squadra di Matrullo (che esce dalla zona calda della classifica) e la sportività dimostrata dai sangiorgesi a differenza di quanto avvenuto appena sette giorni prima. Apre le marcature al 19’ Fabio Esposito in giornata di grazia, il forte trequartista si ripete al 31’ e sigla in chiusura di tempo la tripletta personale che manda le squadre al riposo. Ad inizio di ripresa Pascucci porta a quattro il vantaggio dei padroni di casa e tre minuti dopo capitan Guerriero accorcia le distanze dal dischetto. Al 13’ bomber Imparato non fa mancare il suo sigillo che raddoppia con prepotenza in chiusura di partita dopo la mezza dozzina calata da Rigione al 32’ nella porta del bravo De Luca. Giacomo Di Sarno  

Lascia una risposta