Sale la tensione in vista delle amministrative di primavera che chiameranno alle urne i cittadini di Pimonte e Lettere

167

Sale la tensione politica sui Lattari, in vista delle amministrative di primavera che chiameranno alle urne i cittadini di Pimonte e Lettere. La situazione più incandescente, al momento, è quella relativa a Pimonte dove si è già messa in moto la macchina delle alleanze. Fari puntati sul Pd che, con ogni probabilità, si presenterà spaccato alle urne. La frattura tra la componente decisa a sostenere il sindaco uscente Giuseppe Dattilo (Pimonte nel Cuore) e quella che invece punta sul ritorno in campo dell’ex sindaco Gennaro Somma si è consumata al termine di un’accesa riunione, svoltasi venerdì sera nella locale sezione del partito. Il direttivo ha sancito l’accordo con Dattilo, ma l’altra metà del partito si è mostrata contraria aprendo lo scenario di una terza lista di centrosinistra. “La linea dell’accordo con Dattilo è maggioritaria nel partito – afferma il segretario Antonio Cuomo – ed è proprio sulla base del mandato del partito che ho comunicato al livello provinciale la linea politica. Mi muoverò dunque, in qualità di segretario, perché ognuno rispetti le regole democratiche”. Diverso è invece il commento dei dissidenti. “Non possiamo accettare un accordo con chi, come Dattilo, non ha nulla di centrosinistra – afferma Somma -. Nell’amministrazione uscente ci sono molti consiglieri appartenenti al Pdl e ad altri partiti di centrodestra, mentre mi risulta che solo il vicesindaco Raffaele Gargiulo è rimasto fedele al Pd”. Oltre a Dattilo e Somma, è pronto alla candidatura anche Michele Palummo (già sconfitto tre volte, leader della civica Pimonte Libera). Anche a Lettere ci si prepara alla campagna elettorale. Il Pdl è alla ricerca del successore di Antonio Pentangelo (assessore provinciale ai Trasporti), che si avvia a concludere il secondo mandato da sindaco. Tra i possibili candidati, c’è l’attuale vicesindaco Giovanni Di Martino, ma non è esclusa la discesa in campo di Giuseppe Comentale (già primo cittadino di Lettere negli anni novanta). Sull’altro versante invece, l’attuale capogruppo di minoranza Nino Giordano potrebbe guidare una civica per contrastare l’asse Pentangelo – Di Martino.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano

Lascia una risposta