Napoli, atti vadalici al quotidiano Roma. La condanna di Palma (Pdl) e Muro (Fli)

208
“Esprimo lo sdegno mio personale e del Popolo della Libertà della Campania per i gravi insulti rivolti al direttore Sallusti e per l’atto vandalico compiuto ai danni della redazione del Roma”. Lo afferma il commissario regionale del Pdl sen. Nitto Francesco Palma.  “Atti così miseri e volgari trovano la nostra più ferma condanna” – ha commentato Nitto Palma.
 

“Esprimo a nome personale e di tutto il coordinamento regionale di Fli, piena e incondizionata solidarietà a tutta la Redazione del quotidiano Roma, per l’atto vandalico e intimidatorio ai danni della sede del giornale”.
E’ quanto dichiara il coordinatore campano di Futuro e Libertà e deputato Luigi Muro riguardo le scritte ingiuriose tracciate con inchiostro spray rosso e firmate con la tristemente nota stella a 5 punte delle Brigate rosse.
“Questi vili episodi che mancavano da un pò di tempo a Napoli, dimostrano quanto la deficienza politica – ricorda Muro – non conosce da sempre né stagioni né confini. L’esperienza purtroppo insegna che l’intolleranza in ogni sua forma sconfina sistematicamente nella violenza, dunque episodi come quello di stanotte contro la sede del Roma non vanno sottovalutati. Sono la dimostrazione che anche a Napoli esistono frange estreme che non accettano la normale dialettica politica e  scelleratamente si ritengono gli epigoni delle Brigate rosse. Sappiano che le loro incursioni notturne non possono certo intimidirci, e che anzi ci spingono a portare avanti le nostre idee con sempre maggior convinzione ed energia”.
 
“Noi Verdi – dichiarano in una nota congiunta il commissario regionale del Sole che Ride Francesco Emilio Borrelli, il Presidente Provinciale Carlo Ceparano ed il segretario cittadino Vincenzo Peretti – siamo sempre stati solidali con le popolazioni che lottano contro un’ opera inutile e superata come la Tav in Val di Susa e abbiamo trovato pessime e sgradevoli le prime pagine degli ultimi giorni su questo argomento pubblicate dal quotidiano di proprietà della famiglia Berlusconi diretto da Sallusti. Ciò non toglie che certe azioni, scritte e simboli sono inaccettabili per chi crede veramente nella battaglia contro la Tav e che il quotidiano il Roma è un bersaglio sbagliato contro cui sfogare la propria rabbia come l’ intera informazione. Per questo esprimiamo la nostra più convinta solidarietà al Direttore del Roma, all’ intera redazione e a tutte quelle testate che in questo momento sono minacciate da soggetti che a nostro avviso hanno poco a che fare con la battaglia che noi ecologisti sosteniamo. Chiediamo a tutti coloro che come noi solidarizzano con le popolazioni della Val di Susa di non aumentare la tensione e soprattutto di non sostenere o effettuare azioni palesemente sbagliate e deprecabili come quella realizzata fuori la sede del quotidiano napoletano il Roma”.


Lascia una risposta