Lecce – Napoli affidata a Bergonzi di Genova

202

La gara Lecce-Napoli, valida per la 33esima giornata di Serie A, sarà diretta da Mauro Bergonzi di Genova. Gli assistenti saranno Manganelli e Padovan. Il quarto uomo sarà De Marco.


La Scheda:

Appartiene alla sezione di Genova della CAN A-B dalla stagione 2003-2004. La promozione nella massima categoria arbitrale arriva dopo una militanza di tre anni nella C.A.N. C, nell’ambito della quale ottiene 43 presenze nel campionato di Serie C1 prima di ricevere il benestare definitivo dall’allora designatore Maurizio Mattei. Il 7 dicembre 2003 ha diretto la prima partita in Serie A,Lecce-Parma 1-2. Ha diretto 101 partite in Serie A (dati aggiornati a fine 2011)[1][2] e 93 in B.
Nella stagione 2005-2006 ha arbitrato lo spareggio salvezza tra Skenderbeu e Teuta per il Campionato Albanese.
Nel gennaio 2009 viene nominato arbitro internazionale.Nel giugno 2009 viene selezionato come rappresentante dell’AIA per dirigere ai Giochi del Mediterraneo. Riceve la sua prima designazione dall’UEFA nel luglio 2009, quando è chiamato a dirigere la partita d’andata del secondo turno preliminare di Europa League tra Sturm Graz e NK Široki Brijeg.Fa il suo esordio da internazionale nel campo delle nazionali maggiori il 3 marzo 2010, dirigendo un’amichevole tra Malta e Finlandia.Il 20 agosto 2010 è stato designato per dirigere la finale di Supercoppa Italiana tra Roma ed Inter.Il 3 luglio 2010, con la scissione della C.A.N. A-B in C.A.N. A e C.A.N. B, viene inserito nell’organico della C.A.N. A.

I fatti legati a Napoli-Juventus

Bergonzi fu l’arbitro della gara Napoli-Juventus nella stagione 2007/2008, portandosi dietro numerose polemiche. In quella gara, sul risultato di 1-1 Bergonzi fischiò 2 calci di rigore inesistenti al Napoli [2]. Zalayeta per la sua simulazione fu squalificato dal giudice sportivo per due giornate. Successivamente La Corte di Giustizia federale annullò la squalifica di due giornate, riducendola ad una e individuando, grazie a nuove immagini acquisite da una emittente locale, una presunta spinta di Legrottaglie ai danni di Zalayeta.[3] La partita si concluse con il risultato di 3-1 per i partenopei. Bergonzi non arbitrò in Serie A per due mesi e mezzo, e da quella partita non ritrovò più la Juventus fino al 19 settembre 2010 nel matchUdinese-Juventus.

Cosimo Silva

Lascia una risposta