Volley Volla, arrivederci alla serie C

211

Obiettivo imbattibilità, questo era quello che si poneva il Volla per concludere un campionato dominato, con un percorso netto e solo due set persi lontano dalle mura amiche.


Conquistata la promozione matematica, mister Caserta, aveva da chiedere solo questo ai suoi ragazzi per continuare a tenere alta la concentrazione, dopo la pausa pasquale e l’obiettivo centrato. Il compito è stato ben assolto e la squadra ospite è stata una degna rivale, non poteva esserci sfidante migliore, per mettere alla prova le motivazioni del Volla, che ospitavano il Salerno, seconda forza del campionato, che ha saputo mettere in difficoltà i padroni di casa in più di una circostanza, confermando di essere una squadra temibile e un avversario ostico per tutti nei play off che andranno ad affrontare.

Nella cronaca della partita, un riconoscimento particolare lo merito Mattia Riccio, il palleggiatore del Volla, che fresco campione provinciale under 18 con i Black Lions, dove in prestito ha disputato il campionato giovanile, ha anche stasera offerto una prestazione di ottimo livello, capace di mettere i suoi compagni in condizioni di attaccare spesso senza muro e orchestrando i suoi uomini con una sapiente regia, ha dimostrato che sta maturando e che la sua crescita è continua e costante, frutto anche di un grande impegno e di un anno di duro lavoro, ma produttivo, vista la sua prestazione, che ha suggellato una stagione di grande soddisfazione e che speriamo gliene possa offrire ancora altre nella fase regionale del campionato under 18 dove continuerà il suo percorso, dove pur vestendo un’altra maglia, rappresenta un po’ anche il Volla che ha inseguito per anni la conquista della finale di categoria, ma trovando sempre un ostacolo chiamato Meta, che quest’anno è scomparso dalla realtà pallavolistica campana, vive di riflesso la soddisfazione di avere almeno uno dei suoi ragazzi che ha conquistato il titolo di campione, accompagnato dall’applauso dei suoi compagni, accorsi tutti ad applaudirlo.

Tornando alla cronaca della partita va fatto un plauso agli ospiti tutti ragazzi giovanissimi, orchestrati da Cuoco un palleggiatore di esperienza, dal palleggio pulito ed ordinato, al Salerno è evidente manca l’esperienza come dimostrano le tante battute sbagliate e la poca lucidità nei momenti topici del match, come le due palle finali con un set point a disposizione nel secondo set, che si chiude con una free ball chiusa a muro da Ciamminelli su difesa imperfetta di Rizzo, per il 25-24 e un muro su Donnarumma che chiude il set per il Volla.

Ad eccezione del primo set giocato punto a punto fino a metà set, con il Volla che poi prende il largo nel finale, grazie anche al doppio cambio di Caro G per Riccio e Romano per Caro A.

Nei due parziali successivi, il Salerno parte subito forte portandosi anche 6 punti in vantaggio nel secondo set, con Salerno e Di Pace bravi al centro, ma Salvatore del Volla disputa una buona gara difensiva, bene in attacco e pian piano il Volla si riavvicina fino al rush finale raccontato sopra.

Nel terzo di nuovo il Salerno prova a prendere il largo, ma stavolta in battuta sia Di Giulio che Panico, regolari e attenti, creano problemi alla ricezione e di nuovo a metà set i i padroni di casa prendono il largo, realizzando il punto finale con Ovideo Sannino, entrato nei punti finali al centro al posto di un Ciamminelli che non ha fatto rimpiangere l’assenza di Di Costanzo.

Finisce così una cavalcata trionfale con la soddisfazione di Salvatore Danilo il dirigente del Volla che più di tutti si è speso per questo progetto, che lui stesso ha avviato sul campo accompagnando da allenatore la maggior parte di questi ragazzi alle prime gare, si guarda al futuro, che si chiama serie C per la prima squadra maschile, tanti campionati con le giovanili e a breve una tappa di minivolley e un torneo misto indoor, sempre in continuo fermento, perché c’è ancora tanto da offrire, un anno fantastico e si cerca di dargli un seguito, sperando che la sensibilità delle istituzioni locali e di chi crede nello sport sul territorio, non lascino passare inosservato.

Concetta Anacleria

Lascia una risposta