Piano di Sorrento: sfiorata tragedia in mare

177

Questa mattina, nello specchio acqueo antistante il confine tra i Comuni di Meta e Piano di Sorrento – zona Vallone della Madonna delle Roselle – si è evitata una tragedia.

Il Sig. M.D., nato nel 1927 – dedito all’attività di pesca sportiva con una piccola unità a remi di circa 4,00 mt. di lunghezza – a causa della forte risacca e delle condizioni meteo marine avverse, urtava la scogliera frangiflutto antistante l’albergo “Giosuè a mare” di Meta di Sorrento. L’unità, distrutta, affondava repentinamente (il fondale in quella zona ha una profondità di circa 10 mt.) e l’occupante trovava riparo sulla precitata scogliera, impossibilitato a tornare a riva. La figlia del malcapitato azionava la macchina dei soccorsi. Immediatamente il personale di servizio della Guardia Costiera di Castellammare di Stabia, coordinato dal Capitano di Fregata Giuseppe Menna – Capo del Compartimento marittimo e Comandante dell’omonimo porto – allertava il Titolare dell’Ufficio Locale Marittimo di Meta, che con l’ausilio di unità privata del pontile in concessione al Sig. Vincenzo Cosenza – insistente nel porto di Piano di Sorrento – di un gommone della sezione navale dei Carabinieri di Sorrento e di un sommozzatore esperto, recuperava l’anziano. Lo stesso, visibilmente provato, veniva accompagnato presso l’ospedale civile di Sorrento con un’autombulanza del 118 precedentemente allertata. “Questo intervento testimonia ancora una volta l’impegno costante degli uomini e delle donne della Capitaneria di Porto, soprattutto in una giornata di festa qual è la ricorrenza del 67° Anniversario della liberazione d’Italia. Vorrei sottolineare che stiamo già prestabilendo le priorità e l’attività da porre in essere in vista dell’imminente stagione estiva” ha così commentato il Capitano di Fregata Giuseppe Menna, Comandante della Capitaneria di Castellammare.

Lascia una risposta