Una nuova Primavera per Longola. Gli scavi di Poggiomarino alla Fiera dei Beni Comuni

242

Nell’ambito della Fiera Dei Beni Comuni, organizzata dal CSV di Napoli, il Gruppo Archeologico “Terramare 3000” e i sindaci di Poggiomarino, Striano, San Valentino Torio e San Marzano sul Sarno discutono del futuro del territorio e degli scavi archeologici della Longola.

Rinvenuto nel 2000, il villaggio protostorico vasto più di 7 ettari si è conservato sotto una falda d’acqua a oltre quattro metri di profondità, ed era abitato dai Sarrasti, una popolazione di origine Osca. Era sede di produzione e distribuzione di beni di pregio quali la pasta vitrea, l’ambra, il bronzo, l’osso, il legno e la pietra. L’area, tuttavia, attende ancora di essere riqualificata.

Ma proprio sulla riqualificazione di Longola, sono molte le novità che saranno illustrate presso la sala Sirena di Catel dell’Ovo, a Napoli, dove si sta svolgendo la Fiera dei Beni Comuni. Inoltre, saranno presentati un filmato promozionale dell’area archeologica, realizzato da Antonio Cangiano, giornalista de “Il Corriere del Mezzogiorno online” e il plastico del villaggio di Longola di Emilio Castaldo. Saranno, inoltre, allestite mostre fotografiche e laboratori di Archeologia Sperimentale.

Le volontarie di Terramare presenteranno il progetto “Donne, principesse e sacerdotesse: il costume femminile nella Campania antica”. Seguiranno degustazioni di prodotti tipici della Valle del Sarno.

L’appuntamento è per domani, sabato 26 maggio, alle 11 presso la sala Sirena di Castel dell’Ovo, a Napoli. In occasione della conferenza sarà anche distribuito il filmato promozionale dell’area archeologica ai giornalisti presenti

Share

Lascia una risposta