Rapine ai supermercati: fermata 35enne di Gragnano

186
Ieri sera, gli agenti dell’’Ufficio Prevenzione Generale della Questura di Napoli, hanno sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, la pregiudicata Raffaella Muollo, 35enne domiciliata al Parco Imperiale di Gragnano, in quanto gravemente indiziata dei reati di rapina impropria in concorso e ricettazione in concorso. La donna è stata inoltre denunciata in stato di libertà per tentato furto e per violazione di un divieto di ritorno nel Comune di Napoli.
La rapina era avvenuta lo scorso 17 maggio, verso le 09.15 del mattino, presso un supermercato di via Monteoliveto. Dei due rapinatori, uno era stato subito arrestato, Gennaro De Somma, un 30enne di Scafati. La sua complice era invece riuscita a far perdere le proprie tracce.
Nella stessa giornata del fatto, il responsabile del supermercato ed una delle cassiere avevano sporto regolare denuncia descrivendo dettagliatamente i due rapinatori. Il responsabile aveva anche segnalato che i due avevano già rapinato una altro supermercato della stessa catena, lo scorso 11 maggio in Corso Novara.
Le indagini dei giorni successivi hanno quindi portato all’identificazione della donna. Quest’ultima non aveva fatto più rientro presso il proprio domicilio di Gragnano da circa due mesi nonostante due figli di cui uno in tenera età.
Tanto la madre quanto la zia, entrambe conviventi, alla visita dei poliziotti non hanno saputo dare alcuna indicazione su dove la propria congiunta potesse essere.
Ieri mattina, Raffaella Muollo ha commesso però un furto in un altro supermercato: questa volta a Torre Annunziata. Arrestata dai locali Carabinieri è stata processata, condannata e sottoposta alla misura cautelare dell’Obbligo di presentazione alla P.G.
Gli agenti sono andati quindi a prelevarla per poi sottoporla ad individuazione di persona presso gli uffici della Questura. La donna è stata quindi riconosciuta senza ombra di dubbio quale complice del rapinatore precedentemente arrestato, sia per la rapina del 17 maggio in via Monteoliveto che quella del precedente 11 maggio a Corso Novara.
Raffaella Muollo è stata pertanto sottoposta a fermo di polizia giudiziaria e subito condotta alla Casa Circondariale Femminile di Pozzuoli.
Share

Lascia una risposta