Ercolano: Continuano gli scarichi lungo il tratto costiero

170

                                                  E’ polemica a Ercolano dopo la notizia della rimozione del divieto di balneazione seguita agli accertamenti positivi sulle acque costiere effettuati  dalla Regione Campania. Troppe le segnalazioni in senso contrario mosse dalle associazioni di controllo ambientale operanti sul territorio ercolanese : scarichi non a norma continuerebbero infatti a inquinare un tratto costiero che già in passato è stato oggetto di  animate discussioni in sede consiliare. “ In qualità prima di medico e poi di rappresentante politico – ha dichiarato l’esponente del PDL Aniello De Rosa – ritengo assolutamente necessario andare a fondo in una questione di particolare rilevanza per la comunità ercolanese. L’epatite virale endemica sul territorio unita allo scarso controllo dell’ approdo borbonico di Villa Favorita impone il massimo rigore nel monitorare una zona urbana più volte in passato alla ribalta della cronaca per vicende legate al pessimo stato di conservazione igienico logistica. Non è ammissibile che una società moderna degna di tale appellativo si conceda simili leggerezze in materia sanitaria :   chiediamo l’immediato intervento dell’assise locale per far piena luce su una questione che rischia di compromettere seriamente l’incolumità dei residenti”. Non convince l’improvviso ottimismo e i dati pubblicati dall’ARPAC apparentemente favorevoli alla balneabilità del litorale costiero compreso tra Portici ed Ercolano :  troppe le denunce pervenute alle istituzioni competenti sino a un mese fa per convincere l’opinione pubblica dell’avvenuta bonifica di uno dei tratti più inquinati del golfo di Napoli. “ Massima fiducia negli organi competenti – ha concluso De Rosa –  ma a patto che determinate informazioni di primaria rilevanza per le comunità vesuviane siano sempre accompagnate da adeguate pubblicizzazioni  che illuminino la cittadinanza sugli interventi concretamente effettuati sul posto per garantire sicurezza e rispetto delle normative vigenti in materia sanitaria.  Si da tanta importanza a notizie di rilevanza discutibile per l’hinterland vesuviano da non comprendere  poi l’apparente sufficienza con la quale si gestiscono vicende di estrema delicatezza per la pubblica incolumità. Chiediamo al primo cittadino Vincenzo Strazzullo di intensificare la comunicazione tra Palazzo di Città e residenti  al fine di non gettare pericolose ombre su interventi pubblici destinati altrimenti a sollevare polemiche rilevanti dalle possibili conseguenze giudiziarie”.

                                                                                                                                             Alfonso Maria Liguori

Condividi
PrecedenteUn premio per l’associazione antiracket “Ercolano per la legalità”
SuccessivoNapoli: Efficienza energetica, decolla EnergyNetwork
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.

Lascia una risposta