Brusciano, il sindaco Romano: “Una Festa in piena sintonia con la nostra tradizione e senza eccessivi fanatismi”

181

Brusciano saluta la 137^ Festa dei Gigli. Una Kermesse che anche per il 2012 ha mostrato il suo volto più bello e affascinante ai tanti visitatori accorsi. Un grande spettacolo è stato offerto dai sei Comitati: Croce, Gioventù, Lavoratori, Ortolano 1875, Passo Veloce, Sant’Antonio, attraverso la rappresentazione di carri allegorici raffiguranti varie e suggestive coreografie, che nelle serate di giovedi e venerdì hanno incantato il numeroso pubblico accorso anche dai paesi vicini, per ammirare l’arte dei carri targata Brusciano. Una due sere, preceduta dalla solenne celebrazione della Santa messa in onore di Sant’Antonio e che è stata seguita in diretta sulle frequenze 95.200 di Radio Club 91 che tra gadget, magliette e tanta animazione hanno reso ancora più ricco la già spettacolare manifestazione che ha visto la presenza anche di una delegazione di italoamericani della Giglio Society di New York. Una festa all’insegna del divertimento che ha visto il suo clou nella giornata di domenica 26 agosto con gli obelischi, che con le loro performance fino alle prime luci dell’alba di lunedì hanno ballato dando spettacolo per le strade della città in una competizione sana e genuina senza travalicare in particolari eccessi. Davvero un evento andato per il meglio, anche grazie all’attenta ed efficace organizzazione messa in atto dell’amministrazione comunale come afferma il primo cittadino  Angelo Antonio Romano: “Quest’anno a vincere è stata la diligenza e il buon senso di tutti i cittadini e dei Comitati, ai quali va un plauso particolare per aver dato un contributo fattivo nel far si che la festa andasse verso i binari prefissati. Noi come amministrazione abbiamo dato come sempre il nostro apporto puntando a gestire al meglio la sicurezza. Tirando le somme, posso ben affermare che grazie anche all’apporto delle forze dell’ordine siamo riusciti a garantire l’ordine pubblico, riuscendo così a far defluire la festa in modo più lineare e mantenendola nei canoni di uno spettacolare folklore e senza eccedere in eccessivi fanatismi. Pertanto a riguardo ad taluni episodi menzionati da alcuni media che parlavano di eventuali risse avvenute durante la festa, posso ben puntualizzare che la nostra festa è stata perfetta e se pur si fossero registrate alcune scaramucce, queste assolutamente non vanno a macchiare mai come quest’anno l’ottimo servizio d’ordine messo in atto dalle forze di polizia, visto che si sono rispettato in toto tutte le regole imposte”. Unica nota stonata di una festa che ha mostrato il suo aspetto migliore, è stata la defaiance del giglio dei Lavoratori che per problemi vari non ha ballato la domenica per le strade cittadine. Una situazione quella venutasi a creare che non è stata accettata di buon grado non solo dalla cittadinanza ma in particolar modo dal Comune, che molto probabilmente potrebbe mettere in atto un’azione sospensiva della durata di tre anni nei riguardi degli organizzatori del Comitato Lavoratori. “Quindi, tutto sommato il giudizio sulla festa può considerarsi più che positivo” queste le prime dichiarazioni del Presidente Festa il Consigliere Nicola Di Maio che lancia un monito per il futuro: “Dopo ben cinque anni di gestione della Festa credo che il risultato è stato positivo anche se sicuramente le difficoltà incontrate sono state tante, ma alla fine siamo riusciti nell’obiettivo primario di puntare a migliorare la nostra amata festa. Ora visto che questa amministrazione a breve concluderà il suo regolare mandato, mi auspico che come per altro previsto nello statuto comunale votato nel 2010, la prossima amministrazione possa prendere in considerazione la formazione di un ente fondazione festa, in quanto – chiosa Di Maio – credo che la sua attuazione sia un tassello importante per l’intera gestione della macchina organizzativa della festa”. Altro elemento cardine sul quale il Consigliere Di Maio punta a portare a termine prima della fine della legislatura è la realizzazione del consorzio coinvolgendo i paesi dove si ballano i gigli: “L’intento prefissatomi è quello di proporre a stretto giro fin dal prossimo consiglio, la realizzazione di un consorzio tra i paesi ormai ultracentenari dove si svolge la festa dei gigli, con l’obiettivo di fortificare sempre di più la cultura e la tradizione di questi popoli, in modo da mantenerle integre e allo stesso tempo non rischiare un giorno, di poter perdere una così spettacolare tradizione”. Nelle serate conclusive la festa ha avuto il suo massimo epilogo con il concerto finale di Anna Tatangelo offerto dal Comitato Passo Veloce e patrocinato dal Comune ed il “Festival Bruxianum” dei giovani ragazzi musicisti dal Maestro Rocco Di Maiolo, il tutto dando un arrivederci al 2013 con spettacolari fuochi d’artificio.

Lascia una risposta