Lavoratori Nato, domani sciopero e presidio a Bagnoli. Strazzullo (Uiltucs): Aspettiamo risposte concrete

Dopo circa 2 mesi di presidio – pacifico e democratico – presso le strutture della Base NATO di Napoli, i circa 70 lavoratori degli appalti di pulimento, facchinaggio emanutenzione del verde, da decine di anni impegnati presso la struttura della Base, domani martedi 4 settembre 2012 hanno indettio una prima giornata di sciopero a difesa del proprio lavoro e dei propri diritti.
Allo sciopero si accompagnerà, a partire dalle ore 06,00 del mattino e per tutta la giornata, una manifestazione all’esterno della Base NATO di Napoli (Bagnoli) in Viale della Liberazione, alla quale parteciperanno i lavoratori e le loro famiglie che a tutt’oggi vedono messi pesantemente a rischio l’occupazione e la sussistenza economica.
Sulla questione è intervenuto il segretario generale della Uiltucs Gennaro Strazzullo: “A pocomeno di un mese dal progressivo trasferimento delle attività della NATO presso la nuova Base di Lago Patria, e quindi dell’aggiudicazione dei nuovi appalti peri suddetti servizi, non essendovi garanzie concrete sull’applicazione delle norme contrattuali riferite al cosi detto. “passaggio di cantiere”, tese al mantenimento degli attuali livelli occupazionali, di fatto si corre il rischio che circa 70 lavoratori perdano il posto e il reddito. L’assurdo è che, dalle notizie che pure sono trapelate, presso la nuova struttura NATO di Lago Patria, molto più estesa delle attuali strutture, c’è la possibilità di assorbire ben oltre le attuali maestranze nel nuovo appalto. La UILTuCS – UIL – conclude Strazzullo-  è da circa un anno e mezzo che ha posto la questione  sia alla committenza NATO (AJFC Naples), affinché inserisse nei bandi di gara le più opportune ed efficaci garanzie occupazionali, sia alle diverse Istituzioni Italiane (Regione Campania, Provincia e Comune di Napoli, Prefettura ecc.) scontrandosi per tutti questi mesi con il “muro di gomma” della NATO e con la completa indifferenza delle Istituzioni. La committenza NATO, che comunque è tenuta all’applicazione della Legge e dei Contratti Italiani, tuteli i Lavoratori e garantisca i loro diritti”.
Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteCaso ‘Falsi poveri’: il Sindaco fiducioso dell’estraneità dei funzionari. Segnalate altre 60 persone per i pacchi alimentari
SuccessivoEx Aticarta Pompei: continua l’odissea per i 18 lavoratori da reinserire
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.