Castellammare: il PdL espelle il consigliere Carrillo dal partito

219

Il gruppo consiliare del Pdl di Castellammare presenta il vero volto di Antonio Carrillo, un consigliere comunale eletto nelle fila del Pdl stabiese che:

        Ha deciso di interrompere quest’esperienza amministrativa di centrodestra

        Ha deciso di disattendere le regole democratiche dello stare insieme all’interno del gruppo consiliare e della coalizione

        Ha deciso di essere consigliere comunale del Pdl e contemporaneamente stare con l’opposizione

        Ha deciso di non riconoscere alcuna forma di gerarchia politica prevista dallo statuto del partito contestando, in modo scomposto i vertici del partito

        Ha deciso di votare contro il bilancio di previsione 2012 che conteneva l’unica opportunità seria e concreta di salvare le Terme di Stabia e i suoi lavoratori

        Ha deciso di partecipare a conferenze stampa con Pd, Sel e IdV

Se è rispettabile il cambiamento di opinioni e atteggiamenti, quali naturali espressioni delle idee, i fatti recenti dicono che non è il caso di Carrillo. Le critiche che oggi questi muove e alternativamente ha già manifestate, anche in relazione ad eventi riguardanti persone e strutture del partito, sono aggravate, nel disvalore politico, dal grave sospetto che le recenti sue scelte non siano motivate da ragioni politiche.

Questo, dunque, è il consigliere comunale che non ha il coraggio di assumersi le proprie responsabilità verso gli elettori del Pdl ufficializzando l’ormai, a questo punto improcrastinabile, abbandono dal Pdl, ufficialità che a un soggetto pubblico è dovuta.

Altro che censore e moralizzatore dei percorsi altrui.

Una sola opzione non è consentita a un uomo che voglia e possa stare all’interno di un partito: esprimere un voto che contribuisce a mettere a rischio l’esistenza dell’Amministrazione sostenuta dal suo stesso partito. E certe scelte, una volta fatte, sono per noi irreversibili.

Il Capogruppo PdL

 Mario D’Aapuzzo

Share

Lascia una risposta