Napoli: “Identità giovane” scende in campo

207

I giovani scendono in campo per promuovere una nuova campagna di sensibilizzazione sui temi della salvaguardia dell’ambiente e sulla riduzione dei rifiuti domestici e urbani, maturando una sana cultura del riuso e del riciclo. Nell’ambito della IV edizione della “European Week for Waste Reduction – Settimana Europea per la riduzione dei rifiuti”, che si svolgerà contemporaneamente in tutta l’Unione Europea dal 17 al 25 Novembre 2012, l’associazione culturale “Identità Giovane” organizza il convegno “Rifiuta i rifiuti”. L’incontro si terrà venerdì 23 novembre 2012 dalle ore 9,00 alle ore 13,00 presso l’aula magna dell’IPSAR “I. Cavalcanti” (Via Taverna del Ferro 4, S. Giovanni a Teduccio – Napoli). «In occasione della “Settimana europea” – spiega il presidente Vincenzo Ascione – “Identità Giovane”, convalidata come Project Developer dagli organizzatori della manifestazione, ha deciso di dare il suo contributo promuovendo un momento di riflessione per sensibilizzare la cittadinanza sulla tematica dei rifiuti». Il convegno, che ha ottenuto il sostegno della Commissione Europea, nell’ambito del progetto UE “Life +”, vedrà alternarsi gli interventi di medici ed esperti della protezione ambientale. Interverranno: Giulio Tarro, (Pres. Fondazione de Beaumont Bonelli per le ricerche sul cancro), Alberto Alba (Presidente Legambiente Parco Vesuvio), Antonio Capece (Cooperativa sociale “Ambiente solidale”) e Angelo Puggillo (Naturalmente). Le iniziative proposte da “Identità Giovane” hanno come filo conduttore l’importanza della raccolta differenziata, il corretto smaltimento dei rifiuti nonché la sensibilizzazione dei cittadini all’educazione ambientale. Durante la manifestazione sarà allestita un’apposita postazione per la raccolta di lampadine fluorescenti esauste. «L’importanza di questa iniziativa – continua il presidente – risiede nel fatto che tali sorgenti luminose diventano, una volta esauritesi, dei rifiuti particolari che contengono anche sostanze tossiche. Tuttavia, con le corrette modalità, possono essere riciclate fino al 95%. Le lampadine, raccolte in un’apposta box, saranno poi consegnate all’Ikea che, in collaborazione con il WWF, si occuperà di smaltirle nella maniera più adeguata». La raccolta continuerà per tutta la durata della manifestazione europea presso la sede dell’Associazione (Via B. Martirano, II traversa – San Giovanni a Teduccio, Napoli).

                                                                                                                   

 

 

Lascia una risposta