Scafati: il 27 gennaio tributo ai Pink Floyd

255

pinkfloyIl 27 gennaio al Pala Mangano di Scafati dalle 21.30, si svolgerà una serata unica dedicata alla musica dei Pink Floyd, in un mix armonico tra rock e sinfonia.

L’Orchestra Pop Valle del Sarno, i Pink Bricks, il coro di voci bianche “Anna Frank” e il Collegium Vocale Salernitano diretto dal Maestro Giulio Marazia, presentano un concerto-evento che avrà come protagonista la musica dell’indiscussa band britannica, nella sua versione più imponente e spettacolare, supportata da ben 120 artisti (fra cui l’emergente Luca Capoluongo), insieme sul palco per ripercorrere, in quasi due ore e mezza di musica e immagini, i momenti più significativi della loro discografia, compresa la celebre suite sinfonica Atom Heart Mother del 1970.

L’evento è unico nel suo genere in quanto, per la prima volta nel Sud Italia, un collettivo di artisti e musicisti esegue fedelmente la suite sinfonica come concepita e arrangiata dal musicista e compositore britannico Ron Geesin, amico di Nick Mason e Roger Waters, chiamato alla corte della band inglese per dare un contributo corposo alle traccia strumentali inizialmente prodotte tra il marzo e l’agosto del ’70. Inoltre, per la prima volta in Italia, i maggiori successi dei Pink Floyd verranno riproposti in chiave sinfonica con arrangiamenti inediti, scritti, per l’evento, e diretti dal Maestro Marazia. Inoltre L’evento è patrocinato dall’Osservatorio Culture Giovanili (OCPG) dell’Università degli Studi di Salerno che parteciperà alla manifestazione con le opere del progetto “45 Art- l’arte a 45 giri“, la mostra itinerante del progetto regionale di “Chiamata alle arti“. A fare da cornice artistica al rock psichedelico del celebre gruppo inglese saranno i vinili dell’esposizione tenutasi a luglio 2012 presso il Palazzo Arti di Napoli. L’evento ha visto coinvolti 45 artisti per le categorie pittura, disegno, arte digitale o fotografia che hanno realizzato un’opera ispirata alle cover dei vecchi dischi a microsolco utilizzando come supporto un vinile trasparente della dimensione di 7 pollici. Ad arricchire la mostra anche i lavori provenienti dall’estemporanea che ha preceduto il workshop dello Storm Studios COVER ART ospitato dal PAN di Napoli lo scorso settembre. Ilmomento formativo, destinato a 80 artisti del progetto di “Chiamata alle Arti”, ha avuto come oggetto di discussione il rapporto tra cover art, fotografia e nuove tecnologie. Infine è da sottolineare che il ricavato della serata sarà interamente devoluto alla costruzione di un centro per bambini in Nicaragua. L’iniziativa è promossa dall’ASI, l’organizzazione di volontariato internazionale con sede a Sarno (Sa) che, per tutto il 2013, sarà impegnata nella realizzazione di una missione sanitaria a San Rafel del Norte, in Nicaragua, il secondo paese più povero del Centro America.

Aniello Danilo Memoli

Share

Lascia una risposta