Napoli, freddo polare: i clochard dormono nelle banche

216
clochard-dormono-nelle-banche1Freddo polare: nel giro di poche settimane muoiono tre clochard a Napoli. “In un solo mese tra la fine del 2012 e l’ inizio del 2013 – dichiarano il commissario regionale dei Verdi Ecologisti Francesco Emilio Borrelli ed il capogruppo del Sole che Ride al comune di Napoli Carmine Attanasio – sono già morti 3 clochard per il freddo. 2 a Napoli ed uno a Marigliano. Prima è toccato a Jimmy un senzatetto egiziano di circa 60 anni che è spirato davanti all’ Università Federico II a metà dicembre poi una settimana fa è toccato a  Sergiu Iasi Muciuck un ucraino di 37 anni che è stato trovato morto, ucciso dal freddo, sui binari dell’ex stazione delle Ferrovie dello Stato. Oggi è stata la volta di un uomo dell’età apparente di circa 50 anni che è spirato di fronte al San Carlo. Sta meglio invece il barbone di P.zza San Domenico Maggiore che pochi giorni fa è stato prelevato dal personale medico e Polizia Municipale e portato urgentemente in cura all’ ospedale Ascalesi. Vincent, questo è il suo nome, si stava lasciando morire dopo che gli avevano rubato la sua sedie a rotelle. A quanto ci è stato riferito il piede che si temeva fosse in cancrena in realtà era solo rotto e quasi certamente non sarà amputato”.
“Il senzatetto invece che è stato trovato morto sotto il colonnato della Galleria Umberto – continuano Borrelli e Attanasio – aveva trovato rifugio di fronte al Teatro Massimo napoletano. Il 5 febbraio dell’ anno scorso il ballerino Roberto Bolle aveva scritto su twitter: “I senzatetto che s’accampano e dormono sotto i portici del Teatro San Carlo, gioiello di Napoli, sono un emblema del degrado di questa città” provocando la reazione indignata della città. Adesso il triste presagio di Bole si è avverato. Nel degrado e senza riparo è morto un clochard proprio di fronte al San Carlo. Sarebbe una bella occasione per Bolle di attivarsi concretamente a favore di queste persone dopo i suoi commenti che apparvero razzisti e furono fortemente criticati dai napoletani. Noi crediamo inoltre che il Teatro San Carlo debba in queste settimane di freddo e pioggia aprire di notte le proprie porte a queste persone come anche le banche. Già alcuni sportelli del Banco di Napoli permettono ai clochard di dormire la notte al coperto, un gesto che noi troviamo di grande umanità”.

 

Share

Lascia una risposta