Ercolano, Oliviero: “Ritroviamo coesione e comunità d’intenti”

205

Rory Oliviero“Ritroviamo coesione e comunità d’intenti per il bene di Ercolano” : non si fanno attendere i commenti del dopo elezioni e a parlare per primo è proprio il presidente del consiglio comunale di Ercolano Rory Oliviero : “Al di la di qual si voglia analisi politica – ha precisato Oliviero – occorre immediatamente ritrovare mordente e credibilità agli occhi di un paese che guarda sempre più scettico l’operato del governo comunale. Causa la scarsa informazione tra palazzo di città e residenti  spesso si finisce con il fraintendere o peggio male interpretare indecisioni e temporeggiamenti da parte di un assise locale fortemente ridimensionata da una burocrazia lenta e cavillosa. Ci prepariamo come paese Italia a vivere un momento estremamente delicato della nostra storia : siamo quindi chiamati ad offrire, a prescindere dalla colorazione partitica o dal credo politico, il nostro umile ma indispensabile contributo a che ogni comunità dell’hinterland vesuviano possa uscire una volta e per tutte dal baratro dell’arretratezza produttiva e del clientelismo spicciolo già costati a queste oasi “vulcaniche” che il mondo ci invidia un prezzo altissimo nel tempo”. Giovane ma già affermata toga ercolanese Oliviero  è “nato” in politica : anni addietro lo stesso padre aveva guidato in veste di sindaco la città . Proprio questa attenta e minuziosa conoscenza dei luoghi e delle problematiche quotidiane potrebbe alla lunga fare la differenza e proiettare il giovane professionista in realtà governative regionali o addirittura nazionali.  “ Vorrei lanciare un appello alla cittadinanza – ha concluso Oliviero – perché cessino definitivamente polemiche sterili che nulla hanno a che fare con la sana e costruttiva critica che ogni onesto contribuente ha il diritto di muovere a noi pubblici amministratori. E’ facile e forviante “sparare nel mucchio”, blaterare di inefficienze gestionali quando non si è a conoscenza dei fatti reali. Mi auguro che il buon senso ancora una volta contraddistingua in positivo il popolo ercolanese al quale da sempre guardiamo con estremo rispetto e sincero affetto”.

Alfonso Maria Liguori

Condividi
PrecedenteSan Giuseppe Vesuviano, rifiuti e abusivismo: task-force della municipale
SuccessivoOperazione “Briantenopea”: 43 misure cautelari, i business dei Gionta e dei Mariano in Lombardia
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.

Lascia una risposta