MimosArt: la donna con la sua femminilità e le sue difficoltà, al Centro d’Arte GAMEN di Napoli

389

Dopo il successo ottenuto in occasione della mostra intitolata ‘Up&Down’, il connubio tra gli ideatori Massimo Pacilio e Stelvio Gambardella incontra e celebra l’universo femminile in tutte le sue sfaccettature in un nuovo evento di squisita natura culturale, che vedrà la partecipazione di tantissimi personaggi del mondo dell’arte e dello spettacolo. L’appuntamento con la cerimonia di inaugurazione è fissato per il prossimo 8 Marzo, Festa della Donna 2013, al Centro d’Arte GAMEN ubicato in via Pontenuovo a Napoli.

locandina MimosArtIl titolo della mostra, ‘MimosArt’, è innanzitutto un omaggio alla figura femminile fatta di colori e forme così come suggerisce l’espressione artistica, ma in particolare l’evento vuole essere un’ulteriore occasione per parlare dell’importanza della figura femminile nella storia del mondo e il rispetto naturale che essa merita, ossequio spesso soppresso da una violenza brutale e addirittura dal femminicidio, fenomeno in crescita come confermato gli ultimi dati allarmanti emersi che parlano di più di centoventi donne uccise nel 2012 e di tredici già assassinate nel corrente anno. “L’arte è per me, dopo la famiglia, una cosa fondamentale – dichiara uno degli organizzatori, Massimo Pacilio – perché mi dà la possibilità di esprimere e trasferire su tela, legno o qualsiasi altro supporto, le mie emozioni e trasmetterle a chi le osserva. La donna nell’arte è stata nei secoli fonte di ispirazione di moltissimi maestri e abbiamo scelto simbolicamente l’8 marzo – spiega – poiché vogliamo celebrare la donna in tutti gli aspetti della sua meravigliosa figura e negli ultimi anni questa ricorrenza è stata svuotata del suo significato, recentemente sono stati promossi eventi significativi a favore delle donne che subiscono violenze sia fisiche che psicologiche e vogliamo anche noi sensibilizzare la società, purtroppo ancora maschilista, a comprendere che la donna va ammirata, amata ma soprattutto rispettata”.

Madrina della serata sarà la poetessa Tina Piccolo, Ambasciatrice della Poesia Italiana nel mondo, detentrice di più di duemila riconoscimenti e critica d’arte, per la quale “l’arte è da considerare una catarsi dalle difficoltà quotidiane, un grido dell’anima – afferma – che rivede nelle forme e nei colori dell’espressione artistica un diritto negato ma ritrovato. L’arte al femminile, poi, celebrata proprio nella Festa della Donna, è un tuffo poetico e culturale – continua – che accarezza aspetti fondamentali della nostra società quali politica e legislatura, spesso poco attenti di fronte alla bestialità di un’umanità che ferisce e annienta, anche definitivamente, il bellissimo cuore delle donne. L’arte diventa, dunque, una libertà conquistata a fatica – conclude Tina Piccolo – ma soprattutto un’arma contro la violenza da qualsiasi parte venga sulla pelle di quella donna che gli uomini partorisce, quegli stessi uomini capaci poi di distruggerla spirito e corpo”. La nota poetessa, inoltre, nella medesima occasione avrà modo di parlare, assieme al co-autore l’avvocato Antonio Masullo, della sua ultima fatica letteraria, ‘Il diario di Alma’ della casa editrice Eracle, che affronta temi delicati quali proprio la violenza contro le donne.

La kermesse, che sarà ripresa dalle telecamere dei giornalisti Emilia Sensale e Antonino Fiorino e catturata dalla macchina fotografica di Carlo Iovine, prevede tantissimi ospiti oltre alle decine di artisti espositrici: le cantanti Ilva Primavera e Rosaria Canfora, la poetessa Dora Della Corte, l’attrice Rachele Esposito, gli ex concorrenti di ‘Uomini e Donne’ Franco Di Maio e Stefania Arnold, Grazia Chiocciola dell’Agenzia Puerto Svago, l’artista italoargentina Gladys Mabel Cantelmi, Ciro e Gianluca Castaldo della Generali Eventi, gli artisti Angeli Iannelli e Lucia Oreto che proporranno ‘Pulcinella e le donne’, senza dimenticare la partecipazione di tanti altri ospiti che daranno il proprio contributo alla buona riuscita dell’evento. Tutte le opere esposte saranno esposte dalle ore 16 alle 18 presso il Centro GAMEN fino al giorno 18 marzo, ma saranno anche visibili all’interno di un accurato catalogo ideato dal grafico Daniele Pacilio con la supervisione del critico Giovanni Cardone, di Tina Piccolo e il commento finale di Stelvio Gambardella: nel medesimo catalogo, sarà presente un’apposita sezione destinata ad una raccolta di poesie dedicate all’universo femminile, componenti scritti e proposti per l’occasione da tantissimi personaggi del mondo della cultura partenopea.

Share

Lascia una risposta