Basket, le serie minori

209

Antonio Paternoster (coach B. C. C. Agropoli)QUI AGROPOLI. Nulla da eccepire. Anche i più scettici hanno iniziato a ricredersi: il B. C. C. Agropoli può raggiungere la qualificazione ai play-off. I cilentani sono attualmente decimi nel girone C del campionato di Divisione Nazionale B, a sole quattro lunghezze dall’ultima posizione utile (ottava), per qualificarsi alla fase ad eliminazione diretta post season. Con sette giornate ancora da disputare (di cui quattro in casa e tre in trasferta) e quattordici punti in palio, il discorso qualificazione resta ancora aperto. Lo stato di forma che sta mostrando la formazione salernitana lascia ben sperare, soprattutto dopo gli ingaggi di Tullio e Di Capua, dando l’impressione di avere tutte le carte in regola per raggiungere il tanto agognato obiettivo. I delfini sono, infatti, reduci da tre vittorie di fila (Francavilla e Trapani in casa, Gaeta in trasferta) e, nell’ultima sfida con i siciliani (vinta 79-73), il mattatore dell’incontro è stato proprio Di Capua (30 punti), coadiuvato da Stijepovic (15). I locali hanno giocato con personalità e carattere, portandosi subito in vantaggio

 e tenendo sempre a debita distanza gli avversari. «Sono fiero dei miei ragazzi – ha commentato coach Paternoster perché si sono resi protagonisti di una gara perfetta, studiata e preparata nei minimi dettagli durante la settimana. Nel primo tempo abbiamo giocato una grande pallacanestro, nella ripresa siamo stati bravi a difendere di squadra. L’alternanza tra zona e boxandone ha sorpreso un po’ Trapani. A me, invece, non ha sorpreso la vittoria della squadra. Dal 20 agosto stiamo lavorando duramente, e finalmente i risultati ci stanno ripagando. La vittoria con Trapani ci carica ancora di più in ottica play-off, ma sappiamo che dobbiamo vincerle tutte, anche perché Bisceglie continua a non perdere colpi. Dunque non dovremo peccare di presunzione nel prossimo week-end con Fondi (sabato, ore 18:30). Sono ultimi in classifica, ma sarà una delle gare più difficili».

QUI SALERNO. Si complica ulteriormente il cammino verso la salvezza del Delta Salerno, sempre ultimo, in completa solitudine, in fondo alla classifica del girone G del campionato di Divisione Nazionale C. Con sole sei giornate di campionato ancora da disputare, si riduce al lumicino la speranza dei ragazzi del presidente Luciano Pierri di conquistare la permanenza nella categoria. Fa ben sperare il solo fatto che, dei prossimi sei incontri della stagione regolare, ben quattro saranno giocati al PalaSilvestri (nell’ordine Vasto, Molfetta, Venafro e Mola di Bari) e in trasferta si andrà sul parquet di due dirette concorrenti (Lanciano e Monopoli). Nell’ultimo match esterno contro il C.U.S. Jonico Taranto è andata male a Corvo (25) e compagni (sconfitti 75-63), che sono stati messi sotto sin da subito e non sono riusciti a reagire, se non nell’ultima frazione, quando però era ormai troppo tardi. La squadra di coach Orlando Menduto ha pagato a caro prezzo le ben 22 palle perse e la scarsa vena realizzativa di Esposito ed Antonucci. Non resta che giocarsi il tutto per tutto nel prossimo proibitivo incontro casalingo contro la vice-capolista Vasto, che sarà ospitata al PalaSilvestri domenica sera, alle ore 18:00.

Antonio Pollioso

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano

Lascia una risposta