Napoli, truffa dello specchietto: due arresti per tentata estorsiome

341

polizia napoliGli agenti della Squadra Mobile sezione Criminalità Diffusa hanno arrestato Salvatore Granata, di 29 anni, e Achille Baia, di 37 anni, responsabili in concorso di tentata estorsione aggravata.

I due da diverso tempo avevano messo in atto diverse simulazioni di finti tamponamenti al fine di richiedere alle vittime il pagamento “bonario” del danno al fine di evitare il declassamento o la fuoriuscita dall’assicurazione.

Spesso il perfezionamento della loro azione criminale avveniva scortando la vittima allo sportello bancomat per ottenere subito il denaro richiesto.

Ieri pomeriggio gli agenti hanno tuttavia posto fine alla loro attività.

I poliziotti infatti in via Marina hanno individuato Granata e Baia  che parlavano con toni aggressivi nei confronti di un uomo a cui avevano appena chiesto la somma di 200,00 euro quale risarcimento della rottura dello specchietto retrovisore di un’autovettura Mercedes parcheggiata in seconda fila e da loro utilizzata.

Gli agenti pertanto hanno fermato ed arrestato i due uomini che sono stati condotto presso la Casa Circondariale di Poggioreale.

 

Share
Condividi
PrecedenteBasket, la serie C regioanle
SuccessivoBasket, le serie minori
avatar
Il settimanale “Il Gazzettino vesuviano” fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo, si interessa delle tematiche legate al territorio vesuviano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante realtà che operano sul territorio.

Lascia una risposta