Boscoreale, politiche sociali e del lavoro: ok al regolamento

161

MUNICIPIO_boscorealeE’ stato approvato il regolamento integrato per l’accesso a interventi di assistenza socio-assistenziale e nel campo delle politiche del lavoro.
Il regolamento, che riordina la materia socio-assistenziale in ambito comunale, disciplina l’accesso e l’erogazione dell’assistenza economica e non a favore di persone e famiglie in stato di bisogno, e tutti gli interventi e prestazioni sociali erogate direttamente dal Comune, ad eccezione dei servizi previsti nel Piano di Zona attuato dall’Ambito Sociale N15 cui il Comune è associato.
Il regolamento disciplina puntualmente anche il servizio trasporto taxi sociale, l’attribuzione di buoni lavoro e l’assegnazione di pacchi alimentari a indigenti. Servizi questi che il Comune già eroga.
Lo strumento regolamentare, che entrerà in vigore nei prossimi giorni, ha tra i suoi principali obiettivi quello di favorire il processo di responsabilizzazione, di autonomia e d’integrazione sociale della persona e del nucleo familiare attraverso la modifica e il superamento di difficoltà socio-economiche, e tutelare le persone in condizione di fragilità, di precarietà psicofisica e di non autosufficienza.
Gli interventi socio-assistenziali disciplinati dal nuovo regolamento integrato hanno anche la finalità di promuovere l’autonomia delle persone economicamente e socialmente più deboli attraverso percorsi di sostegno che prevedano l’attivazione delle risorse personali, familiari, istituzionali e informali presenti nel territorio; la prevenzione, il contenimento, il superamento delle situazioni di disagio socio-economico e il contrasto al processo di esclusione e di cronicizzazione del disagio sociale; la tutela delle persone in particolari condizioni di fragilità e di non autosufficienza che hanno bisogno d’interventi residenziali; facilitare la permanenza nel domicilio; aiutare la famiglia a svolgere il proprio compito d’assistenza e di solidarietà verso i suoi componenti; aiutare il singolo a far fronte alle proprie necessità vitali e a facilitargli la vita sociale.

Share

Lascia una risposta