Acerra, ampliamento termovalorizzatore: intervento del sindaco Lettieri

termovalorizzatore-acerraDichiarazione del sindaco di Acerra Raffaele Lettieri: «Alla luce delle anticipazioni che ho letto negli ultimi tempi anche da parte di cittadini che utilizzano i social network o che mi hanno personalmente contattato, in queste ore ho verificato presso gli uffici competenti regionali l’attendibilità della prospettato ampliamento dell’inceneritore di Acerra. Devo prendere atto che tale progetto è veramente stato commissionato e che tale intenzione si è manifestata già nel 2010 ma che allo stato non vi è agli atti del Comune nessun documento che vada in tale direzione. Oggi è in discussione solo il rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) dell’impianto così come è in funzione».
«Resto sgomento – continua ancora il sindaco Acerra – del fatto che non solo ora da sindaco debba apprendere dagli organi di stampa la volontà di realizzare qui ciò che altri comuni hanno già rifiutato, ma anche che nel 2010 da presidente del Consiglio comunale tali informazioni siano restate precluse all’intero Consiglio comunale e alla città di Acerra».
Il primo cittadino di Acerra prosegue: «E’ evidente che nel caso in cui l’ipotesi di ampliamento dovesse essere perseguita sarà il proprietario dell’impianto del momento, e cioè la Regione Campania e per esso il suo rappresentante legale, a dover avanzare la richiesta al Comune di Acerra. Anche nella considerazione che non esiste più l’emergenza rifiuti in Campania, non vi è più il commissariamento e di conseguenza non esistono i poteri straordinari. Devo dire che pur in continuità con le posizioni già espresse sul tema dalla città e dal Consiglio comunale reiteratamente, ritengo che l’atteggiamento dell’Amministrazione comunale e della città nelle sue articolazioni, dovrà essere il medesimo avuto in occasione della problematica Tav e cioè la capacità di dimostrare alle altre istituzioni coinvolte l’inopportunità e l’insostenibilità di procedere in una direzione penalizzante per questo territorio e per la sua comunità, nostro prioritario obiettivo la tutela della salute dei cittadini. Da questo punto di vista ci tornerà molto utile il lavoro che a breve avvierà l’Osservatorio comunale ambientale indipendente che non solo dovrà avvalersi di esperti del settore ma che dovrà coinvolgere anche i rappresentanti designati dai comitati. Sono certo che è anche l’occasione per ricostruire l’unità della città e dell’intero Consiglio comunale su questioni che esulano dalle maggioranze politiche del momento ma che investono tutti gli acerrani, comprese le generazioni future».
«In ogni caso – conclude il sindaco Lettieri – sottolineo che prima di parlare d’altro, Provincia, Regione e Governo devono mantenere gli impegni già assunti in passato (con le compensazioni ed i ristori dovuti alla città di Acerra) e i cui benefici tardano ad arrivare, nel mentre l’impianto già funziona a pieno regime».

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteScafati, Aliberti chiede convocazione assemblea dei soci Cstp
SuccessivoLodo arbitrale Salerno Energia Spa: successo dell’amministrazione comunale Longanella
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.