Torre Annunziata, la mostra “Anamorfosi della verità” al Liceo Artistico “de Chirico”

liceo de chiricoNella sintesi metafisica lo Spazio, più che una categoria universale, oscillante tra gli estremi della ferocia (“Mein Kampf”) e del provvido sistema olistico (“generazione  2.0” ), è un incidente nel Tempo. L’anacronismo della scultura – il suo essere spazio occupato, aria violata -, la dimensione sua, come di ogni comunicazione plastica, di silenziosa rivelazione, di frase non detta (quanti “Untitled”!), ne fanno un enigma. E un paradosso. Perché le cose, tutte, collocate nel Teatro del tempo hanno la giustificazione nell’essere, col pedaggio pagato dell’utile o della scelta. Labirintica e casuale appare, invece, la selva di segni che ha invaso  Spazio 011, che pure, all’esordio – 0.1.1.-  richiama una rigorosa successione di necessità. Così, finalmente superati il sofisma della perfezione, la vaghezza della perdurante immutabilità, si avventurano, le opere esposte, nelle regioni del Senso, si fanno suture di luce, materia semantica – “ignoro se il marmo sa disperare del marmo” annuncia dal passato il cieco visionario –, a cercare originari nuclei di pensiero che non generano memoria, né ne richiedono. Al centro, ogni volta mutevole, della stanza, nell’incandescenza febbrile, che la Forma cattura nell’attimo di una sopraggiunta pausa, offrono certezze sempre effimere. Lì, dove la luce può essere incendio e alba, la matrice primigenia, contatto alle dita o limite al pensiero, la Verità, sorgente notturna che non disseta. Eppure sgorgante, puro rumore nel buio.

Lì, dove anche il punto di vista non ha più un senso se non quello di restituirlo all’ombra della statua nella sonnolenza del meriggio, quando il sole è alto e cade a perpendicolo.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteAl Teatro Sancarluccio dal 18 al 21 aprile “Lenuccia”, una partigiana del Sud
SuccessivoNapoli – Milan, pareggio che vale la Champions!
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.