Juve Stabia, a Cesena per accertare la salvezza

189

bus stabiaA tre giornate dal termine c’è ancora da soffrire un po’ per la Juve Stabia per blindare la salvezza e cominciare a pianificare per quello che sara’ il terzo campionato cadetto di fila. Solo un pareggio per 1 a 1 contro l’ottima Ternana di mister Toscano: al gol nel primo tempo di Sasa’ Bruno ( a quota 7 in maglia giallo-blu e a 98 in totale in serie B, miglior cecchino di sempre nel torneo di B di ogni tempo ) ha risposto Alfageme al 35’ del secondo tempo, con il suo immancabile centro contro i giallo-blu. “ Un punto che ci da’ tranquillita’ e ci permette di affrontare il finale di campionato con serenita’”-sentenzia mister Isetto in sala stampa, in assenza dello squalificato Braglia-“Certo , vincere fa piacere a tutti, pero’ accettiamo il pari anche alla luce dei risultati degli altri campi che vedevano impegnate altre dirette contendenti , visto che possiamo considerare questo punto come un altro passo verso la salvezza” . Analizzando il match contro gli umbri,  i rossoverdi ospiti hanno dimostrato piu’ gamba e ,nonostante il mancato 2 a 0 per un’opportunita’ sprecata da Scognamiglio nella ripresa,sono stati bravi nel credere al pareggio fino alla fine, producendo varie palle gol con Ceravolo e Vitale e creando non pochi grattacapi a Caserta e soci. La solita disattenzione difensiva della retroguardia stabiese ha poi portato al pareggio per 1 a 1, un risultato che ha permesso ad entrambe le squadre di consolidare la propria posizione in classifica tenendosi lontano dalla zona calda dei play out. Sulla prestazione non proprio brillante dei giallo-blu ha inciso sicuramente la mancanza dei vari Baldanzeddu, Dicuonzo ed Acosty, oltre alla solita penuria di punte centrali considerando la perdurante assenza di Mbakogu. Sabato 4 maggio le Vespe saranno di scena al Manuzzi contro un Cesena a quota 46 e ancora alla ricerca della salvezza. In trasferta gli stabiesi hanno raggranellato appena 17 punti , un magro bottino da tenere presente in fase di analisi a consuntivo del torneo. I cesenati hanno perso l’ultima contro l’Empoli ,partita che ha lasciato qualche strascico nella formazione di mister Bisoli che dovra’ fare a meno di 4 titolari per Sabato,come Granoche, Volta, Cervellera e Tabanelli. C’è da dire che entrambe le squadre giocheranno con l’orecchio … all’apparecchio per conoscere il risultato di Cittadella-Reggina. In caso di vittoria dei veneti, la J.Stabia ,pur perdendo in Romagna, sarebbe matematicamente salva a 49 punti , considerando che la Reggina rimarrebbe a 42 a 2 giornate dalla conclusione e che con l’Ascoli, anche vincendo a Brescia ed eventualmente a quota 43, gli stabiesi hanno il vantaggio negli scontri diretti. Chiaramente queste sono tutte ipotesi sulla carta e le partite vanno poi giocate in campo con dinamiche del tutto diverse dai ragionamenti a priori, che comunque possono poi verificarsi al termine dei 90 e passa minuti. Nelle ultime due giornate la J.Stabia incontrera’ al Menti il lanciatissimo Verona di mister Mandorlini e poi il Crotone in trasferta alla Scida in un match che entrambe le squadre si augurano possa essere senza significato in quanto speranzose di avere gia’chiuso il discorso salvezza. Contro il Cesena mister Braglia sara’ ancora out,per cui Isetto guiderà i giallo-blu in questo trasferta dove presumibilmente dovranno fare a meno del difensore Figliomeni, vittima di un infortunio muscolare contro la Ternana. Nel prossimo match le Vespe devono migliorarsi in difesa visto che nelle ultime 19 trasferte consecutive hanno almeno subito una rete. A centrocampo Caserta e Mezavilla cominciano a sentire la fatica della lunga stagione ed in attacco il solo Bruno non riesce a reggere tutto il peso del reparto avanzato nonostante il bun supporto di Verdi e Zito nel match casalingo contro la Ternana. E’ quindi auspicabile un po’ di turn over in vista della partita contro il Cesena, quindi mister Braglia al 4-3-3 dopo il 4-3-2-1 visto contro la Ternana.Questa la probabile formazione:Nocchi in porta, difesa con Baldanzeddu, Martinelli, Murolo, Dicuonzo; centrocampo con Caserta, Doninelli e Mezavilla,attacco con Acosty,Bruno e Zito. Alternative Agyie a centrocampo e Verdi in avanti.

Domenico Ferraro

Share

Lascia una risposta