Pompei, “Percorsi”: La nuova mostra di Franco Gracco

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

“Percorsi”: questo il titolo della nuova mostra pittorica firmata Franco Gracco. A Pompei, dal 1° al 31 maggio 2013, sarà possibile apprezzare le opere del maestro in un itinerario espositivo di cui queste le tappe: Hotel Pompei Resort (Viale Unità D’Italia 16a) – Bar Ristorante Hcca24 (Viale Mazzini 48) – Santuario di Pompei (Piazza Bartolo Longo) – Ristorante Tiberius (Via Villa dei Misteri 7) – Museo Gracco (Via Diomede 8)

 ORARIO DI VISITA AL MUSEO GRACCO

10-13 dal martedì alla domenica (lunedì chiuso)

 

Tel. 081 8613784 – www.museogracco.itmuseo@gracco.it

Il titolo di questa nuova edizione della mostra annuale del Maestro Gracco vuol essere, prima di tutto, un omaggio alla sua carriera artistica, un lungo e fruttuoso “percorso” che continua ancor oggi, contraddistinto da numerose “tappe”, luoghi e date, alcune delle quali sono riportate nella sua biografia, che hanno scandito, fin dall’infanzia, il suo intenso rapporto con il mondo rappresentato dall’antica pittura pompeiana e con il mondo contemporaneo al quale ha testimoniato con le sue opere questo speciale rapporto .D’altra parte, il titolo vuol suggerire un “percorso” di visita attraverso un itinerario espositivo che comprende luoghi pubblici della città di Pompei nei quali è possibile ammirare alcune delle sue opere più o meno recenti che ben rappresentano, in particolare, la sua vicinanza alla mitologia greco-romana e al territorio vesuviano. L’itinerario conduce idealmente al Museo Gracco, dove è situato anche il suo laboratorio creativo, dal quale ha mosso i suoi “primi passi” artistici e nel quale ha scelto di documentare la sua testimonianza di vita.

FRANCO GRACCO – NOTE BIOGRAFICHE

Vive e lavora tra l’Italia e gli Stati Uniti d’America.

I suoi più importanti luoghi di frequentazione sono Roma, Milano, dove ha maturato la sua formazione professionale, e New York fin dal 1970, quando espose alla Reffy Gallery. Nato a Pinerolo (Torino), all’età di nove anni si trasferisce con la famiglia a Pompei. Dotato di notevole sensibilità, avverte subito la ricchezza di significato che traspare dagli antichi affreschi pompeiani, e ne rimane così impressionato, da sviluppare uno stile pittorico personale d’impronta figurativa che affonda le sue radici nel mondo del mito classico e che tuttavia si esprime attraverso un linguaggio moderno. Dopo un attento studio sulle tecniche pittoriche pompeiane, decide di adottarne, personalizzandoli, il particolare metodo di osservazione della realtà e l’uso di colori naturali applicati a strutture parietali secondo la tecnica dell’affresco. Il Maestro Gracco è più volte invitato da enti ed associazioni internazionali a diffondere nel mondo la conoscenza delle antiche tecniche. Nel 2006 trasforma il suo studio e luogo d’ispirazione, situato all’interno dell’area archeologica di Pompei, a pochi metri dalla Villa dei Misteri, in un museo che possa documentare l’importanza che l’antica pittura pompeiana ha avuto nell’arte moderna e contemporanea. Una sezione del museo è dedicata alla collezione di opere uniche (tecniche miste, disegni, affreschi) e opere grafiche (serigrafie e litografie) del Maestro dagli anni ’70 ad oggi.

 

DATE IMPORTANTI

 

 1973 – Londra, Mostra al “Bertrand Russel Centenary,

International Art Exibition”.

 1976 – Albì, Espone al museo Toulouse Lautrec.

 1980 – Montreal, Come rappresentante della Regione Campania all’esposizione internazionale “Le Terres des Hommes”.

 1981 – Tokio, Mostra sull’eruzione pompeiana del 79 E.V. organizzata

dalla Soprintendenza Archeologica e dall’E.N.I.T. di Pompei.

 1983 – Milano, Esposizione itinerante “Sulle orme di Enea”.

 1994 – New York, Ospite del Sindaco Rudolph Giuliani, al quale il Console Generale d’Italia, On. Franco Ristretta, in occasione del Columbus Day,

offre una sua opera grafica, in segno di riconoscenza da parte della comunità italiana.

 2000 – Pompei, 125° anniversario della fondazione della città nuova,

illustra mediante 12 dipinti la vita e l’operato del fondatore, Bartolo Longo.

 2002 – Milano, L’Italcambio Italia inserisce una sua opera grafica tra le “Proposte di prestigio” riservate ai propri collezionisti d’arte.

 2004 – Milano, “Classicità mediterranea”, mostra

alla Galleria Lazzaro by Corsi di Via Broletto.

 2012 – Pompei, “Fuori dal Labirinto”, mostra personale al Museo Gracco

Oggi, in occasione della giornata del 1° maggio, debutta la nuova mostra annuale del maestro Franco Gracco. Un’esposizione che durerà un mese intero. Un’opportunità per conoscere da vicino l’arte di un maestro la cui fama è nota in Italia e all’Estero.

Marianna Di Paolo

 



 

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano