CTL, aria di novità

170

ctl campania okUna scelta obbligata e inevitabile, il Ctl Campania cambierà totalmente. identità. In primis andrà via da Napoli: stop, quindi, a precarietà e ad affannose ricerche per un campo idoneo. “Il Ctl Campania chiude i battenti – spiega il direttore generale del club Giovanni De Micco – non è una resa ma un fine mandato. Dopo sei anni di grandi risultati nella città di Napoli, dove abbiamo sempre centrato i nostri obiettivi, anzi, andando anche oltre, è giunto il momento di porre fine a questo ciclo. Napoli purtroppo non offre una struttura idonea per proseguire in questo progetto. Ritengo, dunque, di aver chiuso il mio mandato: con grande orgoglio dico che sono stati sei anni unici, irripetibili e di grande soddisfazione. L’ultimo, forse, è stato il più difficile: senza campo, senza pubblico, in un girone di ferro, classificarci dietro le ‘grandi’ è stata un’impresa. Ho avuto la fortuna di avere un grandissimo allenatore, un trascinatore, un vero uomo, un vero ‘guerriero’, il più forte di tutti”. Il futuro del Campania, quindi, è lontano dal capoluogo. “Sicuramente cercheremo un’altra sede, un’altra piazza, un altro luogo: non sarà più il Campania ma sarà la squadra che si radicherà nella storia del luogo che lo ospiterà”. Diverse le opzioni al vaglio. “Ci sono varie opportunità, altre le sto raccogliendo anche in questi giorni. Le valuterò e non sarà determinante se ci sarà ancora De Micco. Con o senza di me c’è la disponibilità ad analizzare ogni proposta pur di far continuare questa avventura”. Tra gli addetti ai lavori si parla di proposte arrivate al dg De Micco anche dai professionisti, con un ingresso del Chieti. “Il Chieti è una società storica, una piazza importante, conosco il presidente Bellia ed i suoi collaboratori, ma per adesso posso solo ringraziarli. Il mio principale obiettivo, infatti, è dare prima un futuro al Ctl Campania. Ripeto: con o senza De Micco non sarà determinante, l’importante è che questa ‘favola’ continui e ci siano persone e piazze pronte a sostenerla”.

Lascia una risposta