Portici: all’Orto botanico la X edizione di Mediterraneo e dintorni

246

mediterraneo_dintorni

Nell’affascinante scenario dell’Orto botanico della Reggia di Portici, dal 31 maggio al 2 giugno, si terrà la decima edizione di Mediterraneo e dintorni. Un appuntamento da non perdere, dedicato al vivere sano, con interessanti approfondimenti circa: l’alimentazione, la cosmesi, le medicine naturali e le cure alternative quali naturopatia e omeopatia.

Come ogni anno – fanno sapere gli organizzatori – saranno presenti espositori provenienti da tutta Italia con le eccellenze delle produzioni vivaistiche, oltre che numerosi stand dedicati al benessere personale attraverso prodotti naturali e discipline alternative quali naturopatia e omeopatia. Un tema particolarmente curato in questa edizione sarà quello della cosmesi naturale. L’alimentazione naturale e le produzioni sostenibili saranno presenti con i prodotti biologici di aziende provenienti da Piemonte, Lazio, Campania e Basilicata. A cura del Dipartimento di Agraria sarà presente un punto di indirizzo ad una corretta alimentazione, mentre lo Sportello Olio terrà degli incontri di introduzione all’assaggio dell’olio extravergine di oliva. Infine un assaggiatore di secondo livello, l’apicoltore Giovanni Senatore, sarà a disposizione per un viaggio sensoriale nel mondo del miele.

Nel corso della manifestazione non mancheranno momenti di intrattenimento e cultura. Durante Mediterraneo e dintorni – concludono gli organizzatori – sarà possibile visitare il Museo Ercolanense. Come ogni anno saranno effettuate dimostrazioni dal vivo di tree-climbing, e per la parte artistica saranno in esposizione gli splendidi disegni di insetti di Bruno Espinosa e la mostra di fotografia di Paolo Viviani dedicata all’agricoltura perduta. Sabato e domenica il coro AMA e il gruppo Terra Terra, formati da studenti e personale del Dipartimento di Agraria si esibiranno nella Sala Cinese. Per il programma dettagliato dell’evento si rimanda, l’attento lettore, alla pagina facebook della manifestazione.

Ferdinando Fontanella

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano

Lascia una risposta