Aliberti: “Scafati deve andare avanti per avviare 60 milioni di opere pubbliche”

210
1111111Continua e si rafforza il tour del Sindaco Pasquale Aliberti per la Città e con la Città. Una mobilitazione che sta coinvolgendo ora dopo ora centinaia di cittadini entusiasti di sostenere il sindaco in  questa nuova avventura. 
 
Questa mattina, nell’ottica di raggiungere quanti più amici possibili, il Sindaco e i suoi sostenitori si sono spostati in bicicletta, bussando alle abitazioni dei cittadini scafatesi, per stringere loro la mano e ringraziarli del grande sostegno ricevuto. 
 
“E’ meraviglioso quello che sta accadendo in queste ore. Stiamo incontrando centinaia e centinaia di cittadini, stiamo bussando alle loro porte e l’accoglienza è straordinaria. E’ con loro che intendiamo ragionare, discutere, approfondire temi e progetti per la città. Se gli altri hanno scelto la strada del trasversalismo becero, dell’inciucio, a noi non interessa! Andiamo avanti per la nostra strada sicuri di poter offrire alla città un governo forte e stabile di 15 consiglieri comunali su 24. Dall’altra parte, solo una macedonia di partiti e una grave ingovernabilità. 
Scafati non torna indietro! Scafati deve andare avanti per avviare 60 milioni di opere pubbliche, corrispondenti al Polo scolastico l’Urban Center nell’ex Manifattura dei tabacchi e la reindustrializzazione dell’ex Copmes, deve rafforzare i servizi sociali migliori della Campania e approvare un Puc e un Piano di Recupero del centro storico che vada negli interessi delle famiglie e delle medie imprese e creare occasioni di sviluppo e occupazionali”.
 
Polo Scolastico( 9.900,000,00euro): si prevede la realizzazione di nuovi edifici destinati ad accogliere l’asilo nido, la scuola materna, e la scuola media. Saranno inoltre realizzate attrezzature sportive a servizio della collettività, spazi a verde ed aree di parcheggio. Il Polo Scolastico si presenta come un Campus immerso nel verde e dotato di attrezzature per lo sport e per la cultura, fruibile dai cittadini visivamente e materialmente con l’utilizzazione delle strutture comuni anche al di fuori dell’orario scolastico. I lavori sono stati già appaltati.
 
Urban Center (23.000,000,00euro): All’interno dell’edificio sono previste attività di uso pubblico, quali gli Uffici comunali che in parte sono già presenti ed attività diverse quali, ludoteca, pubblici esercizi, aule di formazione, uffici di competenza, centro culturale ed artistico,parcheggio coperto a due piani. E’ in corso l’ultimazione della fase progettuale.
Ex Copmes: prevede la realizzazione di un Polo Produttivo, destinato ad accogliere nuove strutture industriali e di un Centro Direzionale, funzionalmente collegato  alle esigenze del polo produttivo, in cui saranno allocate anche strutture di interesse generale (banca, mensa, ristorante, asilo nido, etc..) nonché un Polo per l’Automobile da collocarsi nell’ambito del Polo Produttivo
Oggi il progetto si trova in una fase decisiva. Dopo l’aggiudicazione definitiva dell’appalto di progettazione ed esecuzione delle opere relative al I lotto (Polo produttivo e  opere di urbanizzazione dell’intera area di 20.298 metri quadri), dall’importo di 18.000.000,00 euro, la Stu si sta già attivando per ciò che riguarderà il II lotto, ovvero il centro direzionale che completerà il quadro. Recente è l’idea, accolta anche dal consorzio CON.IN, di intervenire, anche su vecchi capannoni esistenti, attraverso un concorso per artisti, giudicato da una commissione di livello internazionale. Un valore aggiunto, inoltre, è rappresentato dall’utilizzo di fonti rinnovabili e pannelli fotovoltaici, nonchè dal sistema di raccolta delle acque piovane per irrigare le aree a verde”.
Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano

Lascia una risposta