Torre Annunziata: al via i lavori all’alveo Penniniello

181

depuratore01TT[1]Lunedì 3 giugno iniziano finalmente i lavori realizzati Gori per portare le acque di scarico di larga parte dell’alveo Penniniello al depuratore di Castellammare di Stabia impedendo che arrivino al mare a Rovigliano.

Dopo le nostre denunce e diverse iniziative di interrogazioni da parte del Gruppo provinciale del PD e di sollecitazione da parte degli altri Enti la Provincia è uscita dal suo torpore rilasciano il permesso per  l’esecuzione dei lavori sulla strada.

Vigileremo affinché sino realizzati al più presto così da far diminuire il carico inquinante sul mare di Torre Annunziata.

E’ urgente aprire il nuovo depuratore realizzato in sostituzione di quello fuori norma alla foce del Sarno e realizzare gli altri interventi programmati nel bacino del fiume e per le città di Castellammare di Stabia e di Torre del Greco.

“Questa battaglia per l’alveo Penniniello è significativa di come ,con piccoli interventi si possono realizzare ottimi risultati.

Ma bisogna sconfiggere la scarsa tensione che c’è nella pubblica amministrazione e nelle forze politiche.Adesso Il Comune di Torre annunziata può e deve farsi parte attiva di un ‘iniziativa coordinata di tutti i soggetti istituzionali per eliminare gli scarichi abusivi nell’ ultimo tratto dell’alveo e del canale Bottaro,per programmare un intervento serio di pulizia e di controllo per evitare fenomeni di sversamento di rifiuti solidi,di ricostruzione della vegetazione naturale-ha dichiarato Paolo Persico_della rete Faro Del Sarno.

Nei prossimi giorni la rete faro del Sarno promuoverà un iniziativa per fare il punto sui possibili interventi  tipo quello sull’alveo Penniniello che con risorse modeste e in tempi stretti possono migliorare la qualità del mare sulla fascia vesuviana:il prossimo obiettivo è quello di eliminare lo sversamento delle acque nere attraverso il rio san marco sulla spiaggia di Castellammare di Stabia.Progetto preliminare e risorse sono disponibili ci vuole solo volontà  e determinazione da parte delle Istituzioni” ha concluso Paolo Persico.

Share

Lascia una risposta