Torna l’estate e ad Ercolano riparte il miserabile “teatrino” dei venditori abusivi di mitili

cozzeNonostante l’epatite virale sia endemica in città continua a proliferare indisturbato uno dei costumi più barbari di una comunità che si trova oggi a fare i conti con decenni di mala amministrazione. Forse dal palazzo di città  si credeva di arginare il vergognoso e nocivo fenomeno con qualche “spauracchio” messo in essere qua e la per il paese dalla  Polizia Locale. L’evoluzione socio civile di una società passa invece attraverso la scolarizzazione e l’apprendimento formativo delle nuove leve, processi che in realtà restano chimere per la cittadina degli scavi.

A Ercolano si vive di contraddizioni: da un lato si promuovono mega manifestazioni di grande spessore culturale e dall’altro si assiste quotidianamente alla violazione delle più elementari normative in materia di somministrazione alimentare senza che nessuno muova un dito per quanto meno arginare l’ennesima vergogna. Ma si sa: guai in paese a parlare di “errore governativo locale”, di lacune di un governo comunale al quale il cittadino ercolanese deve guardare con rispetto nella certezza però, qui i conti spesso non tornano, di ricevere in cambio altrettanta disponibilità e lealtà dai propri referenti politici.

Ci si augura che il primo cittadino Vincenzo Strazzullo in qualità prima di medico e poi di nocchiero istituzionale prenda immediatamente atto di un’emergenza igienica che rischia di compromettere seriamente la qualità di vita di tutti gli ercolanesi. Tante le patologie virali contraibili consumando mitili non controllati: speriamo che il buon senso della popolazione abbia la meglio sulla scelleratezza di comportamenti incivili indegni di una comunità moderna al passo coi tempi.

Alfonso Maria Liguori

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteGli Almamegretta in concerto alla Festa Democratica di Pomigliano d’Arco
SuccessivoBoscotrecase, il sindaco Borrelli ritira le dimissioni
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.