Napoli, Confesercenti e Confcommercio, saldi: finora un flop

saldi napoliI saldi a Napoli sono partiti già da quattro giorni ma per i rappresentanti delle organizzazioni di categoria dei commercianti finora sono stati un vero flop. Non sono bastati gli sconti – in alcuni casi già al 50 per cento rispetto ai prezzi di listino – a richiamare nei negozi gli acquirenti ”per la semplice ragione – spiega Vincenzo Schiavo, presidente provinciale di Confesercenti – che c’e’ una crisi di liquidita”’. Sulla stessa lunghezza d’onda anche Pietro Russo, presidente provinciale di Confcommercio: ”E’ prematuro stilare un bilancio preciso ma gli indicatori parlano chiaro: il commercio nel napoletano soffre, anche con i saldi”. Sulle vetrine dei magazzini di Napoli campeggiano i cartelloni con gli sconti praticati. ”Negli anni scorsi la gente entrava nei negozi, semmai chiedeva e attendeva un’ulteriore riduzione del costo del capo di abbigliamento – dice Schiavo – Quest’anno in molti magazzini i clienti non sono neanche entrati”. Si acquista, proprio se costretti, ”solo il necessario – dicono i rappresentanti delle organizzazioni di categoria – e si tende sempre di più a rinviare la spesa, sperando che semmai qualcosa cambi”. Soffre il settore dell’abbigliamento ma indici in calo si registrano anche sull’alimentare e sui beni di prima necessita’. Una crisi di liquidità che, spiega invece Russo ”sta strozzando il terziario. E a fronte del calo del giro di affari i costi per gli esercenti, purtroppo, sono sempre gli stessi. Uno fra tutti: quello degli affitti. Non variano e per i commercianti in alcuni casi sono davvero insostenibili”. Costi di gestione alti che costringono decine di commercianti ad abbassare la serranda ”senza avere alcun paracadute”, aggiunge ancora Russo. A fronte dei negozi che chiudono vi sono alcuni che aprono. ”Credo che, in alcune realtà, sarebbe importante capire – dice sempre Russo – chi investe e perchè lo fa”. Per Schiavo serve una politica di rilancio dei consumi, ”che, anche attraverso il taglio delle tasse, consenta agli italiani di avere  più soldi in tasca” e che presti attenzione soprattutto alle realtà più depresse. ”Purtroppo c’è da constatare che i fatti non si sono ancora visti”, conclude amareggiato Schiavo.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteRapina ad una gioielleria di Torre del Greco. Bottino 25mila euro
SuccessivoAcqua contaminata, sigillati cinque pozzi a Caivano
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.