Pomigliano d’Arco, operai Tiberina sul tetto contro la mancata rotazione cig

273

tiberina-2Due operai della Tiberina di Pomigliano d’Arco, sono saliti sul tetto della fabbrica e minacciano di lanciarsi nel vuoto se non sarà loro garantito un futuro occupazionale.

Inizialmente a salire sul tetto dell’azienda era stato un solo uomo, successivamente raggiunto da un secondo collega, altri tre operai dell’azienda che si occupa di automazione, robotica, apparecchiature e componenti per lo stabilimento Fiat, si sono trincerati all’interno della mensa della fabbrica dove intendono restare per tutta la notte.

L’azienda, a detta di operai e sindacati, aveva garantito verbalmente, in un incontro svoltosi a inizio luglio, la rotazione per i dipendenti dello stabilimento attualmente in cassa integrazione, una cinquantina circa del centinaio in organico, ma i lavoratori sostengono che la dirigenza avrebbe loro comunicato che il provvedimento potrebbe venir meno a causa della rinuncia di altri operai che hanno intentato un ricorso legale. Stamani infatti doveva partire la rotazione, ma, ai cinque operai presentatisi, perchè richiamati in fabbrica, non è stato consentito di timbrare il cartellino rimanendo in attesa per tutte le otto ore di lavoro.

I sindacati starebbero trattando con i vertici dell’azienda per una soluzione, ma non è escluso uno sciopero di quattro ore già per domani.

Davanti allo stabilimento si stanno riunendo altri lavoratori preoccupati della mancata possibilità di rotazione per la cig, che è stata prorogata qualche mese fa fino a dicembre.

”Ora – concludono – resteremo qui fin quando non ci saranno date garanzie di lavoro”.

Share

Lascia una risposta