Degrado al Centro sociale di Pagani: da luogo di aggregazione a campo nomadi

431

20130910_201259Il presidente dell’Anna Onlus (Associazione Nazionale No Aids Onlus) Giuseppe Barone scrive al commissario straordinaria del Comune di Paagani per denunciare lo stato del Centro sociale, luogo di aggregazione sociale e culturale, abbandonato a se stesso e ora diventato nella parte esterno un campo di nomadi. Di seguito la lettera-appello inviata ai vertici del comune paganese.

 

 

“Il Centro sociale di Pagani ad oggi versa in uno stato di abbandono – degrado totale.

L’opera è un regalo fatto alla città di Pagani e in particolare ai giovani della città da parte dei lavoratori di tutta l’Italia attraverso le proprie organizzazioni sindacali in segno di solidarietà a seguito del triste evento del terremoto del 1980.

L’emblema delle condizioni in cui si trova è rappresentato dall’esterno dove è nato un campo di nomadi che hanno trovato rifugio e pernottamento, come si evince dalle foto che si allegano alla presente.

E ’ormai noto a tutti, che la precedente Amministrazione non ha mai destinato alcuna somma per la gestione sia essa ordinaria che straordinaria della struttura al fine di garantire il mantenimento ed il funzionamento della stessa.centro sociale pagani

 

Il centro sociale grazie alla insensibilità dimostrata dalla precedente Amministrazione versa in un completo stato di abbandono ed è solo grazie all’instancabile Gianfranco Oliva che, pur non essendo riconosciuto dalle amministrazioni che si sono succedute, oggi è l’organo vitale della struttura o meglio colui che in questi anni, pur non percependo nessun compenso economico, ha sempre assicurato l’apertura, la chiusura e la pulizia della stessa, mettendo personalmente mano alla tasca, costretto, ribadiamo, a proprie spese, persino a comprare detersivo, luci e quant’altro occorre per la sopravvivenza e l’igiene della struttura.

 

Faccio un accurato appello alla Vostra sensibilità, il centro sociale appartiene al nostro territorio, alla nostra memoria storica, auspico che le si, dimostrino quale garante dello Stato grande attenzione a questa struttura donata alla città di Pagani per le attività sociali e culturali”.

Share