Castellammare, 22 chili di sigarette di contrabbando e marijuana: tre giovani nei guai

611

sigarette carabinieriA Castellammare i carabinieri della locale aliquota operativa hanno svolto un particolare servizio di controllo del territorio, arrestando per furto di energia elettrica e contrabbando di sigarette Giovanni Brancaccio Di Dio, 25 anni, del luogo e per detenzione a fini di spaccio di stupefacente Gennaro Curcio, 22 anni e Ciro Curcio, 23 anni, entrambi residente in via Padiglione Gesù e già noti alle forze dell’ordine.

 

Durante indagini i militari dell’Arma hanno perquisito le loro abitazioni, ed hanno rinvenuto a casa del Brancaccio 106 stecche e 43 pacchetti di sigarette di varie marche estere di contrabbando, per un peso complessivo di 22 kg, e 16.000 euro in denaro contante, ritenuti provento d’illecita attività. Con successivi controlli, con la collaborazione del personale Enel, è stato accertato che l’impianto elettrico dell’appartamento era stato, abusivamente, allacciato sul montante del cavo dell’Enel.

Mentre, nell’abitazione in uso ai fratelli Curcio, i carabinieri hanno rinvenuto 30 grammi di marijuana, un’apparecchiatura per il confezionamento dello stupefacente, varie bustine in cellophane e 1.350 euro in denaro contante ritenuti provento d’illecita attività. Tutto il materiale e il denaro sono stati sequestrati.
Gli arrestati, dopo le formalità di rito, sono stati accompagnati nelle loro abitazioni agli arresti domiciliari in attesa di rito direttissimo.

Share