Scavi di Pompei: vertice UNESCO – SANP. In ballo il futuro della zona extra – moenia

247

48069_il_foro_degli_scavi_di_pompei_pompeiPompei, Ercolano e Torre Annunziata. Tre siti dell’UNESCO che per essere tali devono  rispondere a requisiti stringenti anche al di fuori delle mura romane. A discuterne oggi presso l’Auditorium degli scavi di Pompei la soprintendente Teresa Elena Cinquantaquattro, in rappresentanza del MIBACT, e il referente dell’ufficio UNESCO del segretario generale, Adele Lagi.

Al tavolo tecnico di concertazione, il terzo in pochi mesi, sono intervenuti anche i rappresentanti delle istituzioni locali.  Al centro della discussione il Piano di gestione e la definizione del nuovo perimetro della cosiddetta “buffer zone”, la zona della città nuova che circonda i tre siti UNESCO  e deve esserne all’altezza.

Al vertice sono intervenuti  i sindaci dei comuni interessati (Claudio D’Alessio, per Pompei, Giosuè Starita, per Torre Annunziata e  Vincenzo Strazzullo, per Ercolano), i delegati della provincia di Napoli, e Pasquale Sommese, assessore ai beni culturali e Sviluppo e promozione del Turismo della Regione Campani

 L’ incontro, secondo le dichiarazioni rilasciate dai partecipanti, è stato “estremamente cordiale e produttivo”, portando “alla piena condivisione delle proposte presentate”. Dopo le minacce dell’UNESCO di cancellare Pompei dall’elenco dei siti protetti si tratterebbe di un bel risultato. O, forse, questa è solo l’altra faccia del controllo costante che gli uomini dell’ONU hanno attivato su uno dei siti più importanti per l’umanità, ma non per l’Italia.

Claudia Malafronte

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano