Pompei, la prova della forza della natura nei pressi del fiume Sarno

pianta2

Questa immagine è la prova di quanto la natura sia forte, e di quanto non c’è niente che l’uomo possa fare contro di essa per fermarla. Come potete vedere dalla foto, la radice di questa pianta di fiori è cresciuta in un tappo e l’ha perforato. Ecco cosa accade quando la mano umana inquina e manca di rispetto all’ambiente: la natura si ribella e continua,  ma fare il suo corso.

Questa pianta si trovava a Pompei, nei pressi del fiume Sarno, ed è stata estirpata perché considerata un’erbaccia. Sotto terra c’era un tappo di plastica, lasciato lì da qualcuno per caso, ma i fiori hanno comunque messo le radici.

Attorno al fiume più inquinato d’Europa, dove tanti anni fa i nostri nonni si tuffavano, pescavano e ne bevevano l’acqua, oggi c’è fango, melma alta circa 5 metri nel fondale. Mentre l’uomo continua ad inquinare però, la natura continua a fare il suo corso, anche modificandosi geneticamente.

Giovanna Sorrentino

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano