Boxe, questa antica scienza

691

Thermae_boxer_Massimo_Inv1055L’arte dei pugni, è una scienza antica con molte evoluzioni di tecniche marziali, tattiche e allenamenti, ma alla fine è l’arte di colpire senza essere colpiti o cercare di colpire più forte. Le abilità di boxe sono state praticate fin dai tempi antichi in Africa, Asia ed Europa. Ci sono alcune pitture antiche con una datazione che varia  tra 10.000 e 5.000 anni nella provincia di Albacete (Spagna), che rappresentano due uomini in una lotta con i pugni. La loro origine africana e risale al 6000. a.C., nella odierna Etiopia, da dove si diffuse prima alla civiltà egizia, e successive civiltà mesopotamiche, dove i pugili sono bassorilievi risalenti al 5500. a.C. La civiltà minoica di Creta sviluppato nel corso di 3500 anni fa. Boxe sembra essere stata un’attività importante all’interno della popolazione giovanile cretese.

Sembra che è qui che è stato ampliato per la Grecia e il resto d’Europa. A 688 . a.C. boxe XXIII è stato incluso nel antichi giochi olimpici come pygmachia (  ” PYG ” = pugno e ” Mahi ” = lotta ) , dove si afferma come il primo campione olimpico di pugilato Onomastos di Smirne. Questo concorso è accaduto ogni 4 anni per il prossimo millennio. In Grecia i pugili erano allenamento con sacchi di sabbia chiamati Korykos , esercizi ad ombra e potenziamento con manubri , utilizzate anche protezioni in cuoio e bende definiti  himantes, che copre le mani ei polsi, e talvolta sugli avambracci , lasciando le dita libere . Nel quarto secolo . a.C.I Romani avevano creato una specialità del pugilato tra i gladiatori che combattono con Caestus o “guanti di battaglia” evoluzione grottesca oxeis himantes con borchie di metallo e punte sulle nocche, questa metodologia del combattimento I Romani la chiamavano Pugilato.

Ci sono molte opere sia pittoriche , scultoree come conservata fino ad oggi di quel periodo , il che rende evidente l’importanza che ha avuto nel mondo romano . Senza dubbio la più imponente opera d’arte è ” il Pugile Baths ” o ” Pugile a riposo “, che è una scultura di 1 , 20 m di bronzo.

Nel tardo medioevo inizia di nuovo a vedere scritti sul Pugilato, ma nel Rinascimento possiamo leggere e capire ancora una volta l’antico pugilato . Grazie ad un breve passaggio di Pugilato , nel libro “L’arte della ginnastica ” di Hieronymus Mercularis nel 1569. La parola ” boxing” ed è stato usato in Inghilterra nel XVI secolo per riferirsi a una scazzottata . Ma il primo record di boxe come torneo sportivo tra due avversari , è dal 1681 , mentre il primo uso della parola ” boxe ” per riferirsi a questo sport , che risale al 1711.Nel XVIII secolo, la boxe è diventata una pratica diffusa dello sport in Gran Bretagna e le sue colonie , prendendo di mira l’America . Per due secoli il combattimento viene fatto senza guanti ( a mani nude ) e senza limiti di tempo , al fine di organizzare spettacoli di scommesse , formando una pratica molto violenta , che di solito ha portato pugili gravemente feriti o uccisi . In quei primi anni, gli spettatori formano un anello ( ring) intorno ai combattenti . Nei primi decenni del XVIII secolo Londra erano le persone si ” Maestri chiamano difesa ” ( Masters of Defense ). Introdotto approccio tecnico e metodico allo sport , ottimizzando le  tecniche  e gli spostamenti
Non  esistevano varietà di categorie in base al peso dei pugili . C’era solo un “campione” , che si utilizzava il termine “uno dei più pesanti” . Il termine ” leggero ” ha cominciato ad essere utilizzato all’inizio del XIX secolo e sono talvolta organizzati combattimenti tra gli uomini più leggeri  .

Entro la metà del XIX secolo , tuttavia , il declino della boxe a mani nude era evidente. La moderna boxe è stata stabilita che i pugili devono indossare guanti , che gli incontri dovevano  durare tre minuti  con un minuto di riposo tra i round , il conteggio di dieci secondi ad un pugile caduto e il divieto di prenderlo , spingerlo o abbracciare l’avversario . Con il tempo hanno aggiunto il casco come  protezione supplementare .
Il pugilato professionistico si è sviluppato in questo ultimo secolo insieme ai diversi stili di boxe . Il freestyler , è il pugile che rompe le convenzioni classiche e ortodosse , sono caratterizzati da difese basse per invitare i loro avversari , evitando colpi attraverso frequenti spostamenti.

La preparazione di questi atleti è la più faticosa in ambito professionale. Le gare lunghe per migliorare la loro resistenza , allenamento della forza per i muscoli , sessioni di combattimento in palestra per affinare i sensi , le ore di preparazione infinite che accompagnano il pugile . Ci sono molti esercizi che può praticare un pugile per migliorare le prestazioni fisiche . I più noti sono  saltare la corda , colpire il sacco,utilizzare   guanti da lavoro , saltare la corda , schema ad ombra , pera , ecc …Per una ottimale  formazione di questo sport è la  disciplina. Un pugile ha bisogno di un perfetto equilibrio e armonia nelle traiettorie dei loro pugni , perché la boxe è uno sport che per il 50 % lavora con le braccia e le gambe , non come molti pensano che si basa sull’allenamento principale degli arti  superiori . La moderna boxe ha fortemente influenzato molti altri sport di contatto emersi o riemersi nei nostri giorni. Le sue tecniche , i metodi di formazione e le tecniche sono essenziali nella pratica di altre discipline da combattimento. Allo stesso modo la boxe ha influito sulle arti marziali e sui metodi di difesa personale soprattutto sulla kickboxing , e sulle MMA.

Ernesto Tarchi