Pomigliano, proteste dei cittadini in piazza Mercato

Comune PomiglianoOltre duecento firme, foto allegate a documentare imbrattamento di muri e strade oltre il blocco di accessi alle abitazioni e di passi carrabili e un racconto di cittadini esasperati, nella lettera con annessa petizione che i cittadini residenti a piazza Mercato o nelle immediate vicinanze ( via Pisa, via Mercato, via Cavallotti, via Imbriani, via Poerio, corso Vittorio Emanuele, via Fiume, via D’Aosta, via Pompeo, via Toscano) hanno indirizzato al sindaco Lello Russo, al Prefetto di Napoli e alla Procura di Nola. Chiedono aiuto, i firmatari, rivendicando il diritto al riposo, alla sicurezza, alla salubrità dell’ambiente e puntando il dito contro taluni esercizi commerciali che restano aperti fino a notte fonda. «Fino alle prime luci dell’alba» – scrivono, a dire il vero, i residenti firmatari della petizione. «Non possiamo dormire per il frastuono e utilizziamo un termine eufemistico perché non è possibile descrivere in altro modo quel che avviene in questa zona ogni notte: volgarità urlate a voce altissima, abbandono e rottura di bottiglie e bicchieri, un inquinamento acustico e ambientale oramai insostenibile». La petizione è di quasi un anno fa, ma la situazione, nonostante i controlli, gli ammonimenti, le segnalazioni alle forze dell’ordine, non è mutata. «Sono deciso a disporre la chiusura degli esercizi commerciali in zona – dice il sindaco Russo – nessuno vuol vietare agli esercenti di bar, rosticcerie, pub e pizzerie di fare il proprio lavoro, né ai giovani di godersi la movida, ma ciascuno ha il dovere di rispettare gli ambienti comuni, che sono di tutti, e il diritto al riposo e alla serenità di ognuno ed è al sindaco che compete il dovere di tutelare igiene, sanità, ordine e decoro pubblico».

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteSanta Maria la Carità, il M5S: “Trasparenza troppe volte trascurata”
SuccessivoNapoli, violenza sulle donne: “Superare le difficoltà per aprire il secondo Sportello Rosa”
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.