Castellammare, installazione ripetitore: è braccio di ferro tra Comune e Wind

567

ripetitore-cellulariE’ braccio di ferro tra il Comune e la Wind telecomunicazioni spa per l’installazione di un ripetitore telefonico in via Vena della Fossa. La compagnia telefonica ha presentato ricorso al Tar della Campania contro l’Ente di piazza Giovanni XXIII per la mancata presa in considerazione di una istanza di autorizzazione paesaggistica per la realizzazione di “un impianto di telefonia di pubblica utilità”.

Il Comune stabiese non ha provveduto né a rigettare né ad accogliere la richiesta della società telefonica avanzata già due anni fa, nel luglio del 2011. Per ottenere un parere dagli uffici comunali la Wind telecomunicazioni spa ha sollecitato più volte nel corso di queste due anni dalla prima “chiamata”: un atto stragiudiziale di invito, una diffida e una messa in mora notificata lo scorso mese di luglio. Non paghi i rappresentanti della Wind hanno deciso di adire alle vie legali facendo ricorso al tribunale amministrativo napoletano per ottenere l’autorizzazione ambientale richiesta o quantomeno un diniego.

 

La compagnia telefonica, rappresentata e difesa dall’avvocato Giuseppe Sartorio, in sede di ricorso ha tirato in ballo anche la Soprintendenza dei Beni architettonici di Napoli. A prendere le parti del Comune invece sarà l’avvocato Donatangelo Cancelmo. Non è il primo tentativo di installare un’antenna telefonica nel territorio di Castellammare di Stabia, infatti nei mesi scorsi anche un’altra compagnia ci aveva provato. La Vodafone tentò di installare un ripetitore in Traversa Mele tra i binari della linea delle Ferrovie dello Stato a pochi passi da complessi residenziali e la scuola. Poi dopo le proteste della cittadinanza il cantiere fu sequestrato dagli agenti di Polizia municipale a causa della mancanza delle necessarie autorizzazioni del Comune.

rafcav

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano