Al via “Napoli Eccellente 2013”

158

Logo Fond.Valenzi emailSono aperti fino al 29 novembre i termini per partecipare a “Napoli Eccellente 2013”, il progetto per la valorizzazione delle industrie e dell’artigianato del territorio napoletano bandito dalla Fondazione Valenzi (http://www.fondazionevalenzi.it) , l’istituzione internazionale che nel 2014 arriverà al traguardo dei primi cinque anni.
Il progetto, promosso con il contributo della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Napoli, è rivolto a piccole e medie imprese, aventi sede legale o operativa nel territorio della provincia di Napoli, che si contraddistinguono per avere un alto tasso di innovazione.
L’iniziativa rientra nel più ampio progetto istituzionale “Memoria: Museo per la valorizzazione delle imprese napoletane” volto a perseguire uno degli obiettivi principali dalla Fondazione: la promozione nazionale ed internazionale delle eccellenze artigiano-industriali del napoletano.
L’avviso pubblico prevede la selezione di un massimo di trenta aziende che andranno a raccontarsi con una mostra fotografica, allestita a Napoli dal 7 al 21 gennaio 2014 nelle sale della Fondazione Valenzi al Maschio Angioino.
Ogni azienda selezionata sarà protagonista della mostra con una foto di un prodotto “simbolo” della propria capacità di innovazione.

“Con questo progetto- dichiarano la Presidente Lucia Valenzi ed il Segretario Generale Roberto Race- la Fondazione continua le sue attività per la promozione delle imprese sane napoletane, linfa vitale fondamentale per la vita economica e sociale del territorio.
Quest’anima si affianca a quella culturale che coltiviamo con il ciclo di eventi ospitati in Fondazione, con mostre come “Da Guttuso a Matta. La Collezione Valenzi per Napoli” ed iniziative per la Memoria e in ricordo della Shoa oltre all’anima sociale che sviluppiamo con il progetto “Bell’ e Buon’” per i bambini con difficoltà di apprendimento.
E non è un caso che abbiamo deciso di aprire nel 2014 gli eventi dedicati ai 5 anni della Fondazione partendo dalla promozione del nostro tessuto produttivo.”

Share