Facile vittoria della Sangiuseppese su Sant’Anatstasia

234

BALZANO GIOC.SANGIUSEPPESEPartita piacevole quella disputata sabato a Volla allo Stadio Comunale “Paolo Borsellino”,  tra la Virtus Sant’ Anastasia, fanalino di coda, e la Polisportiva San Giuseppe. Seconda vittoria consecutiva  quindi  per gli uomini di mister Annunziata (la prima in trasferta) con un risultato tennistico, ma  con una difesa, ancora da registrare. Veniamo alle fasi salienti della gara.

Nei primi  venti minuti, sono i locali, per nulla intimoriti da un tasso tecnico superiore, a stazionare molto nella zona offensiva, ben contenuti dai difensori ospiti. Sono gli uomini di mister Annunziata a passare per prima in vantaggio al  24′, difatti, nel primo gol, bel cross di Balzano, la palla perviene a Rea (ex di turno) che fa partire  un bolide da 30 metri,  che s’insacca alla spalle di Campolongo, portando la sua squadra per 0-1. Al 27′, però  l’ottimo De Martino, il migliore dei suoi,  ristabilisce le distanze,  ribadendo in rete una corta respinta di Giugliano su tiro di Greco.

Ma al 38′ su un rapido capovolgimento di fronte, è La Pietra a segnare il gol del 1-2 che, con un’azione classica di contropiede,  giunge tutto solo verso il portiere e lo batte in uscita.

Nella seconda frazione di gioco, i locali tentano una rabbiosa reazione, e al 14′ è bravo Giugliano a deviare in angolo un forte tiro dell’onnipresente De Martino, autentica bestia nera per gli ospiti. Un minuto dopo, al 15, la Polisportiva San Giuseppe ,con un azione corale in tandem con La Pietra, segna in contropiede il gol del  1-3. con l’ottimo Balzano (foto).  Al 17′ accorcia le distanze il nuovo entrato Nebbiola  con un tiro da lontano, beffa Giugliano forse coperto nell’occasione da una selva di gambe, e porta la propria squadra sul risultato di  3-2.

Al 22′  combinazione vincente La Pietra -Balzano in rapido contropiede , segna quest’ultimo il gol del 2-4.   Al 42′ è ancora La Pietra a gonfiare la rete su azione di contropiede e segna il gol  del 2-5 .

Al 45′ segna ancora Nebbiola con un  innocuo tiro da 35 metri  con Giugliano inspiegabilmente immobile, e segna così il gol del definitivo 3-5 -rendendo meno amara la sconfitta.

 

Giuseppe Scudieri