Natale: come evitare i chili di troppo…

237

dieta-a-nataleEvitare le abbuffate natalizie e arrivare leggeri e sgonfi alle feste è miglior modo per evitare i kili di troppo. Tuttavia esistono piccoli accorgimenti per ridurre i “danni da abbuffate” questo perché intraprendere una dieta cosiddetta strategica o preventiva ,da un lato consente con qualche sacrificio, di arrivare alle feste in forma più o meno smagliante, dall’altro però determina l’insorgere di un meccanismo secondo il quale si pensa: “ho perso due chili apposta per mangiare alle feste, quindi ora mi abbuffo” oppure “ho fatto tanti sacrifici per mettere questo vestito e ci sono riuscita/o, quindi ora mi merito un premio”.
La dieta è una misura d’azione che noi dovremmo intraprendere quando abbiamo necessità di perdere chili di troppo ed è un processo che deve essere lento e di conseguenza duraturo. Quindi non serve affamarsi adesso per evitare di ingrassare durante le feste, anzi il non mangiare condurrebbe all’attivazione di un meccanismo fisiologico compensatorio, determinando un ulteriore aumento del peso corporeo. Il rischio abbuffata da compensazione (dei sacrifici) è insomma dietro l’angolo. E allora ecco come giocare d’anticipo però, in maniera intelligente:
-nei giorni di festa non commettiamo l’errore di restar digiuni (a colazione e pranzo) solo perché si mangia la sera; in questo modo la fame sarebbe tale da spingerci poi a mangiare di più

– partiamo sempre con una colazione abbondante: latte di soia o di riso con cereali integrali, semi oleosi (mandorle o pinoli) e frutta fresca rappresentano un ottimo mix di zuccheri, proteine e grassi tali da fornirci la giusta energia

-limitiamo il pane: un pacchetto di cracker o un piccolo panino di segale
-eliminiamo i grassi saturi: niente burro e niente fritture
-beviamo almeno otto/dieci bicchieri di acqua al giorno

-limitiamo l’uso del sale
-sostituiamo bibite gassate con della semplice acqua

-maggiore movimento; vietato prendere l’ascensore.

Dr. Vincenzo Ciaravolo-Nutrizionista

Share
Condividi
PrecedentePoggiomarino, Natale a chilometro zero
SuccessivoNapoli, Gran Concerto di Natale al Vomero con Giuseppe Gambi
avatar
Dott. Vincenzo Ciaravolo cell: 3931580402 email: vciaravolo@gmail.com www.nutrizionistaciaravolo.com Biologo nutrizionista laureato presso l'Università degli studi di Napoli Federico II. Laurea magistrale in Biologia, indirizzo Nutrizione Umana. Diploma di Perfezionamento in " La nutrizione ottimale: aspetti teorico pratici". Successivamente ha conseguito l' Abilitazione all'esercizio della professione di biologo n° 068197. Le sue esperienze di ricerca svolte presso il laboratorio di genetica e biologia molecolare della facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università degli studi di Napoli Federico II, hanno interessato la Nutrigenomica; nello specifico lo studio della sensibilità gustativa negli aspetti fenotipici e genotipici in madri e bambini al fine di valutare relazioni tra sensibilità gustativa innata, acquisita e scelte alimentari. ( 2011-2012) La ricerca sulla sensibilità gustativa è avvenuta in collaborazione con il Prof.Luigi Greco, Direttore del Dipartimento di Pediatria-Policlinico Federico II. Ha preso parte a corsi di counseling nutrizionale nei DCA emergenti , medicina estetica e nutrizione: strategie per la gestione, l’attivazione della biogenesi mitocondriale- SNS-SALERNO; le reazioni al glutine: allergia,celiachia, sensibilità al glutine organizzato da: dna medical communications Ha partecipato a corsi sulla "Diagnostica delle reazioni avverse agli alimenti-Metodica Cytotest"; corsi sull'alimentazione nel bambino obeso" (SNS) ; Ha svolto giornate di incontro in numerose associazioni sportive per la valutazione nutrizionale in atleti giovani ed adulti. Ha attivamente partecipato all’iniziativa "Mangia Felix": Giornata cittadina sul mangiare felice, realizzata in collaborazione con : SINU -Società italiana di nutrizione umana sez.Campania, e FIMP Federazione italiana medici pediatri . Ha partecipato ad un ciclo di seminari in Analisi microbiologica di alimenti surgelati e Criteri microbiologici applicabili ai prodotti alimentari. Ha preso parte a corsi di aggiornamento in Igiene degli alimenti e Principi di dietetica . Ha partecipato al X forum nazionale ADOSITALIA. Ha praticato attività ambulatoriale presso il Dipartimento di Pediatria dell'Università Federico II. Attualmente frequenta gli ambulatori di Dietologia della facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università degli studi di Napoli Federico II. ♦ Abstract scientifici. Bitter sensitivity and FOOD CHOICES IN CHILDREN Smarrazzo A, Di Feola M, Di Domenico S, Artesi G, Valente S., Scala M., Amatucci F, Ciaravolo V, Negri R and Greco L- European Laboratory for Food Induced Disease Department of Pediatrics, University of Naples Federico II ( 2011)