Castellammare di Stabia: spending review, stop ai telefonini di servizio

263

cuomo stopUn 2014 all’insegna della spending review. La giunta comunale approva il regolamento per l’uso dei telefonini in dotazione all’amministrazione comunale. Secondo il regolamento, infatti, sindaco non sarà più dotato di telefonino di servizio, in controtendenza rispetto al passato.

In realtà, dal momento della proclamazione, il primo cittadino e la sua squadra di governo avevano già di fatto abolito le spese per le telefonate. Dal 2014 quindi si regola anche l’uso dei telefonini, assegnandoli solo ai dirigenti del Comune di Castellammare di Stabia. Anche in questo caso, il regolamento prevede delle specifiche limitazioni per evitare l’uso smodato degli apparecchi telefonici e quindi limitare ancora di più la spesa.

Infatti il limite massimo, per tutti i funzionari, è di 20 euro mensili. Quindi gli unici a beneficiare del telefono di servizio saranno dirigenti comunali, segretario generale, comandante di Polizia Municipale, responsabile della manutenzione, responsabile dei servizi informatici e della protezione civile.

Tutte le telefonate personali saranno a carico dei funzionari, essendo indispensabile l’inserimento di un prefisso per effettuare chiamate di servizio. E solo la giunta, con un’apposita delibera, potrà autorizzare altri beneficiari all’interno dell’amministrazione comunale. Infine saranno effettuati dei controlli ogni sei mesi su ogni utenza.

«Con questo atto abbiamo disciplinato anche l’uso dei telefonini – dice il sindaco Nicola Cuomo – Infatti non esisteva alcuna regolamentazione, che invece ora si è resa necessaria. Il sindaco quindi farà a meno di un altro privilegio, rispetto al suo predecessore. Abbiamo già abolito l’auto di servizio, mettendo in atto anche una serie di iniziative volte al contenimento e alla razionalizzazione della spesa. La mia amministrazione continua quindi con l’opera di spending review, senza gravare sull’efficienza dell’amministrazione. Ci differenziamo sempre di più rispetto alla passata gestione».

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano