Stalking familiare a Portici: marito-moglie e figlio perseguitano la ex di quest’ultimo

227

stalking

Una relazione sentimentale con un coetaneo, si è rivelata un incubo per una 35enne di Portici, al punto tale d’essere perseguitata non solo dall’ex fidanzato ma anche da quelli che dovevano essere i suoi futuri suoceri.

La vittima, che nel 2011 aveva allacciato una relazione sentimentale con un coetaneo, dopo due anni, a causa del suo comportamento divenuto oltremodo aggressivo e morboso nei suoi confronti, decide di lasciarlo.

Il fidanzato, che mal aveva accettato la decisione della donna, inizia a perseguitarla, assecondato anche dai genitori in quella che diviene un’assurda follia.

Da quel momento, per la 35enne, inizia un periodo di malessere psico-fisico causato dall’ex fidanzato, non rassegnatosi alla fine della loro storia.

Minacce, ingiurie, pedinamenti e comportamenti persecutori, denunciati dalla vittima in tre occasioni, mettono in luce una triste realtà, ossia che l’ex fidanzato, in varie occasioni, era in compagnia del padre e che quest’ultimo, a sua volta, aveva pedinato la donna.

Anche la madre del suo ex, inoltre, aveva avuto un ruolo attivo nella vicenda, tempestandola di telefonate al fine di riallacciare la relazione con il figlio ed affiancandola in strada, usando toni minacciosi pur di convincere la giovane donna a riconciliarsi con il proprio figlio.

L’aver disattivato le utenze telefoniche, il restare reclusa in casa, il non poter frequentare amici e, soprattutto, il non poter condurre una vita normale, avevano indotto la 35enne a vivere in uno stato di ansia e terrore.

Gli agenti del Commissariato di P.S. “Portici-Ercolano”, nella giornata di ieri, hanno potuto restituire un po’ di serenità alla giovane donna, notificando all’ex fidanzato della vittima ed ai suoi genitori di 75 e 64 anni, un provvedimento di misura cautelare nei loro confronti, di divieto di avvicinamento al domicilio ed ai luoghi frequentati dalla vittima, così come disposto dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli.

Share