Pompei: Azione Riformista, due donne in campo per riportare l’ideale socialista in città

387

RAFFAELLA SPOSATOAzione Riformista, associazione ispirata al movimento Socialismo e Libertà, si presenta alla città di Pompei con duplice volto, tutto al femminile: Raffaella Sposato, giovane sociologa con esperienza nel campo dei servizi sociali, e Paola Marzullo, architetto e presidente del circolo Socialismo e Libertà di Pompei. “E’ da questa esperienza che vogliamo partire per riportare l’ideale socialista in città – sostiene la dott.ssa Marzullo – Attraverso i nostri circoli,  da alcuni anni, abbiamo promosso una serie di attività culturali, politiche e sociali per avvicinare i compagni socialisti sparsi per l’intero arco costituzionale. In questo lasso di tempo abbiamo portato avanti molteplici iniziative per valorizzare i principi del riformismo socialista che erano alla base del socialismo e della social – democrazia.  Azione Riformista, quindi, trae spunto da  Socialismo e Libertà che a Pompei assume una connotazione peculiare visibile già nel nome del movimento. Azione riformista intende dare una spinta concreta per riportare l’ideale socialista a Pompei”

Dottoressa Sposato, cominciamo da lei. Qual è la genesi di Azione Riformista?

Il nostro movimento civico, che come ricordava Paola si rifà a Socialismo e Libertà,  si propone di riformare i processi politici decisionali  a partire dal cittadino. Tale associazione è radicata sull’intero territorio di Pompei e ha aderito da subito alla coalizione dell’Altra Pompei, la piattaforma politica di liste  civiche che sostiene la candidatura a sindaco di Ferdinando Uliano. Tale piattaforma raccoglie istanze e suggerimenti della società civile, ma soprattutto accoglie coloro  che, in modo trasversale, vogliono impegnarsi a dare una svolta e un nuovo slancio alla nostra città. Azione Riformista nella coalizione l’Altra Pompei s’impegnerà nell’immediato per un  nuovo stile di governo per e con i cittadini all’insegna di sobrietà, legalità, credibilità e partecipazione. Saremo lontani definitivamente dai vecchi modi di fare politica e dai  politicanti locali di sempre. Noi di Azione Riformista lavoreremo per una città futura che debba  sostenersi sulle idee dei cittadini e sul dialogo propositivo che si trasforma  in cultura urbana. I cittadini devono costantemente conoscere ogni atto del  governo cittadino.

Qual è a suo parere, dottoressa Sposato, il maggiore handicap della città?

La città di Pompei ha due grandi risorse che, purtroppo, sono mal integrate con il territorio:  gli Scavi e Santuario.   Al di là di ciò, esistono anche dei problemi che mantengono viva la  percezione negativa della città da parte del cittadino, come la disoccupazione, il degrado sociale, urbanistico, architettonico. Partendo da queste problematiche, ci siamo posti degli obiettivi, tenendo  sempre ben in considerazione cosa ci possono offrire le due risorse  menzionate in precedenza.

Quali sono, quindi, dott. ssa Sposato, le ricette della vostra associazione per cambiare lo status quo?

Mantenendo sempre il cittadino al centro del processo decisionale politico, la nostra strategia politica fa leva su due principali fattori di cambiamento: politiche di accoglienza e sociali. Le politiche di accoglienza svolgono la funzione essenziale di catturare i turisti che  vengono a visitare la nostra città.  Intendiamo proporre, ad esempio, delle iniziative che rivalorizzino le nostre  strade e la loro capacità attrattiva, affinchè l’immagine di Pompei non sia associata solo  ai banchetti di  souvenirs di fronte al Santuario.

Altre politiche attrattive sono costituite dalla riqualificazione urbana del territorio, delle strade, soprattutto dove ci sono delle zone molto degradate. Queste iniziative possono andare a supportare anche un altro bisogno dei nostri cittadini ovvero quello dell’occupazione. Basti pensare a quante occasioni di lavoro può offrire la nostra città sia con  manifestazioni sia  con la riqualificazione.  Su impulso del comune, molte persone possono andare a ricoprire numerose mansioni,  attraverso dei bandi che verranno emanati “ad hoc”.

 L’attuazione delle politiche sociali è il secondo compito di cui la nostra associazione intende farsi carico. Spesso, le politiche sociali vengono considerate sinonimo di mera assistenza alle  persone bisognose.  La nostra associazione, invece,  vuole farsi carico delle politiche sociali intese come una serie di interventi che si fanno carico di  migliorare la qualità della vita del cittadino, secondo l’assunto per cui la Politica è servizio.

 In conclusione, architetto Marzullo, a chi si rivolge il vostro movimento?

Crediamo che siano state dette troppe parole. E’ il momento di lasciare lo spazio ai fatti e  pensare all’Altra Pompei.  Per questo noi di Azione Riformista intendiamo confrontarci con tutti i cittadini che vogliono mettersi in gioco per il rilancio di Pompei. Per noi è importante dare spazio ai Pompeiani che intendono metterci la faccia  al di là dei partiti ormai falliti a livello locale e nazionale, perché noi perseguiamo un ideale più alto che è quello della politica.

Claudia Malafronte

Share