Castellammare, al via la riqualificazione dei Boschi di Quisisana

236

IMGP0009La riqualificazione dei boschi di Quisisana passa per l’accordo tra Comune e Sma Campania. Lo annuncia il sindaco di Castellammare di Stabia, Nicola Cuomo, nel corso di un sopralluogo nella zona collinare assieme all’assessore all’Ambiente Nicola Corrado, all’assessore alla quotidianità Giusy Amato, ai consiglieri comunali Francesco Russo e Francesco Iovino e al presidente della Sma
Campania, Raffaele Scognamiglio.

«La collaborazione con la Sma Campania ha lo scopo di recuperare il bosco di Quisisana, perchè – come detto in campagna elettorale – vogliamo che diventi il cuore pulsante della città. Gli operai si stanno prendendo cura
del sottobosco già da quindici giorni e della potatura degli alberi. La zona boschiva è stata ormai recuperata, compresi i canali importantissimi
per far defluire l’acqua, otturati da anni. Vogliamo far rivivere il parco della Reggia, magari affidandolo a una cooperativa che si occupi di aprire e sorvegliare il parco. Per poi pensare a un bando per affidare la concessione per uno chalet», è il commento del sindaco Nicola Cuomo.

«La Provincia e la Regione dovranno fare il resto, il Monte Faito è in comproprietà tra i due enti, quindi spetterà anche a loro l’intervento per
recuperare la montagna» è l’appello del primo cittadino di Castellammare. «Con la Sma, invece, è iniziato un rapporto di collaborazione: la società ha ricevuto in comodato un nostro bene in via Salvatore Di Giacomo, in cambio daranno questo tipo di servizio al Comune di Castellammare. Avendo un patrimonio boschivo così grande, abbiamo intrapreso questa importante collaborazione. In questa fase, la Sma ci aiuterà anche nel recupero del parco idropinico di Terme di Stabia. Con l’obiettivo di mettere in sesto il parco per migliorare anche l’aspetto esteriore delle Terme, proprio in previsione del bando di privatizzazione» ha spiegato il sindaco.

«Abbiamo chiesto anche alle associazioni ambientaliste di collaborare, assieme all’Arcadis, per mettere su un progetto per la manutenzione
boschiva, necessaria non solo per riqualificare l’aspetto esteriore ma anche per motivi di sicurezza» ha concluso il sindaco Cuomo.
«Castellammare deve rispolverare la propria bellezza a partire dai Boschi di Quisisana dove c’è bisogno dell’ordinarietà e della quotidianità degli interventi», è il commento dell’assessore all’Ambiente Nicola Corrado.

«Questa estate con l’aiuto delle associazioni e di due operai volontari, Leo e Gianni, abbiamo iniziato un cammino. Abbiamo davanti a noi una sfida da vincere. Una sfida che parte dal cambio di mentalità. E i Boschi nella loro straordinaria bellezza rappresentano uno dei luoghi adatti per sensibilizzare i cittadini ad un maggiore rispetto dell’ambiente e della natura. Il rispetto e la cura rappresentano la strada giusta. Fino ad ora
ciò che è mancato è stata anzitutto una manutenzione ordinaria che è l’elemento principe della buona amministrazione. Questa estate siamo stati costretti ad intervenire in maniera straordinaria per restituire dignità a luoghi sommersi da erbacce, rovi e rifiuti di ogni genere. La macchina per per avviare un percorso che porterà ad interventi di lavoro seri e strutturali, si è messa in moto. I Boschi di Quisisana devono ritornare ad essere la porta d’ingresso per quel luogo magico che è il Monte Faito» ha concluso Corrado.